Il Complesso archeologico del Pausilypon a Napoli

Inserito da: · febbraio 3, 2018

Il Complesso archeologico del Pausilypon a Napoli

Di

Maria Rosaria Mascolo

Tra la fine del Cinquecento ed i primi anni del secolo successivo la nobiltà meridionale aveva dovuto provvedere all’ammodernamento delle dimore urbane o alla costruzione di nuove. La volontà di Pietro di Toledo, vicerè spagnolo, aveva costretto gli aristocratici a stabilirsi a Napoli o soggiornarvi per lunghi periodi. Questo obbligo comportò la ricerca di un ambiente ameno, per il riposo e lo svago: di un ambiente che permettesse di sfuggire all’afa opprimente dei vicoli, nei mesi estivi, e che fosse al tempo stesso, vicino alla Corte. La scelta della costa di Posillipo derivò, appunto, da questa necessità o convenienza. Non a caso, la maggior parte dei palazzi più vicini alla città apparteneva a personaggi della potentissima famiglia Carafa: i Roccella, i Maddaloni, gli Stigliano, i Colobraro, i Nocera.

1 – Maria Rosaria Mascolo – Il complesso archeologico del Pausylipon a Napoli – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia

Discussione2 Comments

  1. Vesuvioweb ha detto:

    Un benvenuto alla Dottoressa Mascolo. Di fatto entra a far parte dei nostri collaboratori.
    In questo splendido lavoro, traccia la storia di uno dei luoghi più incantevoli della costa occidentale di Napoli: la collina, il mare e la costa del promontorio del Pausilypon. Qui la romanità seppe esprimersi nel migliore dei modi; sepper garantire alla natura del luogo la prorpia identità. Il complesso archeologico vive ancora oggi di un rapporto simbiontico con la natura straordinaria del luogo. La collina ed il promontorio di Posillipo, sono un luogo straordinario.
    Grazie er il contributo in attesa dei prossimi capitoli.

  2. Mariarosaria ha detto:

    La ringrazio è un piacere ed un onore collaborare con voi.
    Spero possiate ammirare da vicino la bellezza del paesaggio solo così si riesce a capire il perché i romani abbiano scelto proprio quei luoghi per edificare le ville dell’otium, tutti i sensi vengono coinvolti in un turbinio di emozioni uniche ed irripetibili.
    Saluti.

Aggiungi un commento