Dal secondo assedio di Napoli ai Monti Lattari

Inserito da: · febbraio 3, 2018

Dal secondo assedio di Napoli ai Monti Lattari

Di

Nicola Kapetanidi

A lui si oppone Ildebaldo, comandante di Verona, considerandolo meglio  da tanti come mente superiore rispetto a Vitige. Ildebaldo inoltre essendo nipote di Teudi (Re dei Visigoti in Spagna), avrebbero a sua disposizione aiuti militari e politici. Tuttavia Ildebaldo, di indole rude e guerriera non possedeva sufficienti doti di mediazione e dialogo, anche perché Belisario, nel suo ritorno verso Costantinopoli, aveva detenuto, come ostaggi, i suoi figli, insieme con Vitige (Re dei goti). Già prima erano state percorse tutte le pratiche di negoziazione per la loro liberazione. Dopo lunghe trattative, finalmente accetta la liberazione dei figli Ildebaldo si insedia Re dei Ostrogoti al 540.

Nicola Kapetanidi – Dal secondo assedio di Napoli al Monti Lattari – vesuvioweb 2018.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione2 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo molto interessante nella storia.

    Sono stato sorpreso dalla prefazione. L’esplosione del Vesuvio del 512 è stata descritta in dettaglio da Cassiodoro un questore di re Teodorico, che favorì l’evasione fiscale per gli abitanti delle aree danneggiate dalle eruzioni (caduta di cenere).

    Salute Jana

  2. Vesuvioweb ha detto:

    Nikos Kapetanidis è uno dei nostri lettori più affezionati. Vive a Salonicco e da sempre appassionato storico. I campi di suo interesse sono tanti, ma uno in particolare appartiene a quel periodo luminoso e buio a cavallo della caduta dell’Impero Romano. Sua è la storia dei Romios, i cittadini romani alla sbando in tutte le ex province lontane dal Caput Mundi. Lui, Nikos è un greco romios
    Grazie Nikos per il tuo contributo

Aggiungi un commento