Iconografia virgiliana 1818

Inserito da: · febbraio 3, 2018

La Tomba di Virgilio

Napoli 1818

A cura di Aniello Langella

https://archive.org/details/mma_virgils_tomb_naples_438672

La tomba di Virgilio è tuttora argomento di venerazione ai colti viaggiatori. L’ unita stampa la rappresenta. Nell’Italia descritta e dipinta così sen ragiona. Desiderando io di visitare la tomba di Virgilio in un’ ora in cui alcun profano non potesse distraermi nel mio religioso pensiero, partii al terminare d’una delle più belle sere d’autunno; la luna si alzava maestosa, ella sola dovea illuminare la mia mistica peregrinazione; bella, risplendente, ella rispingeva le tenebre e si mostrava in tutta la sua lucentezza. Nulla contrastava coi puri e scintillanti suoi raggi, tranne i fuochi del Vesuvio… com’essa, splendido mistero della creazione!
Tutto in quel punto s’accordava colle più lusinghiere illusioni; nulla mi ricordava le presenti cose, ed io mi credeva trasportato nel secolo in cui il divino poeta, che io veniva ” inchinare nel suo ultimo asilo, generava le splendide finzioni che immortale nominanza gli dovean procacciare.
Un sentiero, ingombro di rovi e spini, è la via che conduce a questo tesoro sorgente sopra la grotta di Posilipo. Apersi i folti mirti, le lunghe ghirlande d’edera e di clematite, solo adornamento di quel freddo sasso. Rapito in estasi dal tuo gran nome, o Virgilio, o quanto mi più bello tutto ciò che al mio sguardo offerivasilio scorgeva a miei piedi l’altera Partenope e il mare di Miseno, e questo grandioso spettacolo mi richiamava alla mente tutta la poesia delle tue opere… Questa tomba, la dolcezza dell’atmosfera, l’aere puro che io respirava, mi fecero sclamare con un poeta moderno:

Napoli! o sede degli Dei! Qual terra
Più feconda di tel qual ciel più puro!
Qual più limpido mar! son lunghi e belli
I giorni tuoi; tranquille notti e brevi
Vaga luna d’argento a te rischiara,
Che al canto invita e alla pietà. I tuoi verni
Son d’oltramonte april, l’ april tuo vero
Altri non ha.
(STEFANO duca di Napoli, tragedia del Marchese di Casanova.)

Virgilio morì a Brindisi nella terra d’Otranto, in età di cinquantadue anni. Egli era l’amico d’Augusto, che lo pianse, ed ordinò che le sue ceneri venissero recate a Napoli, soggiorno al poeta carissimo e in cui avea desiderato di aver sepoltura. Raccontasi che nel secolo decimoquarto venisse tolta dal sepolcro di Virgilio l’urna che conteneva quelle venerate ceneri, e che ciò facessero per riporla in luogo di più sicurezza, ma che non fu trovata più mai, a malgrado delle più diligenti ricerche.
Non mancarono per altra parte i critici che asserirono non essere per nulla i” che quel sepolcro sia veramente quel di Virgilio. Ma poichè non riuscirono essi a dimostrare che veramente nol sia, la tradizionale sua autenticità è più che bastevole per eccitare l’entusiasmo di chi si rende a visitarlo. A questo sepolcro il re Roberto condusse il Petrarca, il quale vi piantò quel famoso alloro che l’ombreggiava e ch’ora invano vi ricercano i viaggiatori. All’aspetto di questo sepolcro il Boccaccio sentì infiammarsi d’amor per le lettere, ed a coltivarle consacrò la sua vita.
In una positura deliziosa sul Posilipo, e presso la tomba di Virgilio, riposano anche le ceneri del Sannazaro, che ha dato alla poesia latina un genere didascalico che prima non possedeva, i costumi ed i lavori dei pescatori. Una splendida tomba di marmo gli venne innalzata dalla gratitudine de’ Servi di Maria, nella chiesa di Santa Maria del Parto, edificata dallo stesso Sannazaro sul terreno della sua casa e del suo giardino.

________________________________________________________________________

Bibliografia

Teatro universale raccolta enciclopedica e scenografica. Torino 1836

 

Discussione6 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Magnificamente e poeticamente descritto, romantico.Bella immagine. Grazie.
    La tomba di Virgill fu anche dipinta da Joseph Wright of Derby. Sto inviando un link:

    https://commons.wikimedia.org/wiki/File:Joseph_Wright_of_Derby._Virgil%27s_Tomb,_Sun_Breaking_through_a_Cloud.1785.jpg

    Salute Jana

  2. Silvio Falato ha detto:

    Ci vuole amore di argomento per innalzare ad alte vette il proprio canto. E tu ce l’hai, Aniello. Complimenti!

  3. Giuseppina Di Vicino ha detto:

    Qui ci ritroviamo, amico mio caro, nella lirica di un poeta. Una lode? Non ne hai bisogno. Con la tua forza puoi raggiungere ogni vetta. Non sono adulazioni e lo sai. Ci credo, come credo alla tua semplicità e alla tua missione di vita. Che il Signore ti sia sempre accanto. A Lui ti affido. Bravo. Un abbraccio. Pina

  4. salvatore ha detto:

    Caro Nello, riesci sempre a trasferirci, con estrema delicatezza, i tuoi sentimenti. Continua così per il nostro piacere.
    Un abbraccio.

Aggiungi un commento