A Lenga Turrese nella Letteratura della Lingua Napoletana

Inserito da: · febbraio 3, 2018

A Lenga Turrese
nella Letteratura della Lingua Napoletana

Di

Salvatore Argenziano – Gianna De Filippis

Un gradito e grato “Finalmente!” accompagna l’avvio alla pubblicazione (in esame le sole prime tre lettere dell’alfabeto)  attinente al “Dizionario torrese” di Salvatore Argenziano, che dal lontano esilio bolognese non ha mai interrotto la corrispondenza d’amorosi sensi con la terra natia. L’opera si presenta preziosa non solo per il dovizioso repertorio lessicale e per i precisi apporti semantico-etimologici, ma anche per un ampio e sapido corredo di continue citazioni letterarie desunte dai classici “napoletani”, mancando una produzione-collezione di autori tipicamente indigeni. È inutile evidenziare il pregio del contributo, un “unicum” nel settore linguistico locale, dove traspaiono sia la nitida competenza dell’Autore (specie quando affonda anche nel terreno minato della pura ricostruzione glottologica dei lemmi, con frequenti nuove proposte etimologiche), sia la profonda conoscenza e il fervido culto della letteratura dialettale cara alla città della ninfa Partenope. Il Lettore è reso compartecipe della sapiente regia del Nostro, che gl’instilla il dolce gusto della “parola”, capace di dilatare l’orizzonte della trasmissione del lemma dalle matrici piú lontane alla sua eterna vitalità custodita con sacertà in contesti culturali densi d’alta “humanitas”. Un’attività interpretativa che l’Autore offre in forma filologica esaustiva, mostrando quale lucido strumento della lingua sia anche la singola “parola”, organo agile e rigoroso di comunicazione e discernimento sociale tramandato dal
“nómos” (cioè dalla consuetudine) o creato “ex novo” da un onomaturgo. Nel raccoglierne l’eredità culturale destinatagli, ogni Lettore potrà interiorizzare-ricostruire-rigustare in sé la bellezza e la vitalità di parole-simboli pertinenti all’uso giornaliero del suo linguaggio locale, a cui è stato indotto ad avvicinarsi viepiú sia dall’ardente entusiasmo che dalla limpida e fascinosa perizia
del benemerito Autore. Carlo Iandolo

01 – A – B – C – Dizionario della Lenga turrese – vesuviowb 2018

02 – D-E-F-G-I-L-M- Dizionario della Lenga turrese – vesuviowb 2018

Discussione19 Comments

  1. Pietro Nardella Dellova ha detto:

    bravi!

  2. mari ha detto:

    Un’attività interpretativa che l’Autore offre in forma filologica esaustiva,
    mostrando quale lucido strumento della lingua sia anche la singola “parola”,
    organo agile e rigoroso di comunicazione e discernimento sociale tramandato dal
    “nómos” (cioè dalla consuetudine) o creato “ex novo” da un onomaturgo.
    Nel raccoglierne l’eredità culturale destinatagli, ogni Lettore potrà
    interiorizzare-ricostruire-rigustare in sé la bellezza e la vitalità di parole-simboli
    pertinenti all’uso giornaliero del suo linguaggio locale, a cui è stato indotto ad
    avvicinarsi viepiú sia dall’ardente entusiasmo che dalla limpida e fascinosa perizia
    del benemerito Autore.

    Carlo Iandolo

  3. mari ha detto:

    Un’attività interpretativa che l’Autore offre in forma filologica esaustiva,
    mostrando quale lucido strumento della lingua sia anche la singola “parola”,
    organo agile e rigoroso di comunicazione e discernimento sociale tramandato dal
    “nómos” (cioè dalla consuetudine) o creato “ex novo” da un onomaturgo.
    Nel raccoglierne l’eredità culturale destinatagli, ogni Lettore potrà
    interiorizzare-ricostruire-rigustare in sé la bellezza e la vitalità di parole-simboli
    pertinenti all’uso giornaliero del suo linguaggio locale, a cui è stato indotto ad
    avvicinarsi viepiú sia dall’ardente entusiasmo che dalla limpida e fascinosa perizia
    del benemerito Autore.

    Carlo Iandolo !!!!stai vivo con noi …gioia pura !!!!Brillante,genio grammaticale proffessore con la valuta di *brillante di mille karati!!!!
    ……….Riposa in santa pace ,oggi domenicha sarrai seduto davanti alla Madonna di Pompei nella tua amata chiesa ove il tuo spirito sorvola tutte le anime che visognano un po di sollievo …..nceverimme prufesooo!!!
    ………non ti dimentica
    M.E.

  4. mari ha detto:

    Salvatore Argenziano – Gianna De Filippis
    ,,,,,,,,,a voi che ne dire?siete la gioia torrese ,impastati foste di saggezza ed tutto il genio grammaticale …onere et gloria .

    ……………!0 e lode !!!!sereno stare nella vostra Bologna.

    ,,,,,,,,,,,nce,sentimme paisaaaa!

    -M.E.

  5. salvatore ha detto:

    Grazie, Maria. Spero che leggendo questo dizionario tu possa trovare ricordi graditi della tua infanzia sorrentina.

  6. mari ha detto:

    Nenneee,viene é subbete,i capiteee?

    cha si tácchiappe te faccio**cunzulá*

    tee faccio na faccia é schiaffe ….
    é po vire………….¡si nun te faccio *cunzuláaaaaa*
    aaaahhh….i che iurnate sta schiaranne’!!!!

  7. Silvio Falato ha detto:

    Un ricco tesoro viene aggiunto finalmente al prezioso forziere del sapere linguistico. Complimenti e grazie per esserci.

  8. mari ha detto:

    ……..Bello ridere :in mezzo a cotali ricordi .di un tempo che fu!
    ——Ricordo che erano anche,piu gli strilli …..che gli*schiaffi*…..casuale modo di aggire ,che poi finiva con delle risate inmascherate in cuei volti ,rubidi di tanto laboro ,di tante lotte col male tempo…Con quel meravilloso mare che…..dalle volte síntempestiva….ed—Raccontava Papa….mamma,sgridava…..E male tiempe!!!ma,per forte che la tempesta sia…..é figlié e Mariaecapunielle(nonnamia).non rimarranno a terra ferma….*avete capito!!*
    ——Ed senza nemmeno obviettare .tutti a mare……
    —–Andavano da marina grande fino a Capri …pescando tutto all’intorno dellísola …..ce´nerano tante grotte…..come la piu famosa Grotta Azzurra….
    —–Bravi uomini che nel sangue vi fluiva il nettare dei frutti di mare….
    ……Oi maaaa…é comme sonnge buone,portece nadu´´poche da langella ….frische ….emmeee chistu vine pare sanguécriste……
    ————–M.E.

  9. Giovanni D'Amiano ha detto:

    È evidente che di Salvatore Argenziano non si possa ormai parlare di un semplice appassionato del dialetto Torrese e Napoletano, ma si debba considerarlo un valido studioso, per passione pura e disinteressata, del “suo” dialetto (lingua locale): il Torrese, acquisendo contemporaneamente un’ampia competenza nel dialetto Napoletano.È voce ascoltata con rispetto dagli stessi linguisti che si interessano dei dialetti, in genere, o, nello specifico, del napoletano. I suoi contributi maggiori sono la individuazione dell’8° vocale (la -a- chiusa) del d. torrese; la messa in discussione della – evanescente- in sostituzione di qualunque vocale atona finale o interna di parole, escluse la -u- e la -i- , sostenendo che anche la -i- (atona) possa assumere il suono indifferenziato della -e- e, pertanto, conservarsi nella grafia, alla pari di -e-,-o-, -a-. Meritoria è la ricerca nel campo dell’etimologia delle parole; come interessante per la comprensione delle regole teoriche è la grande ricchezza di citazioni dall’ampia rosa di Autori di ogni epoca. Ma, a mio parere, aldilà del valore di studioso, è da apprezzare la sua TOTALE disponibilità a “donare” le sue competenze, a quanti gliene fanno richiesta, sempre con umiltà e piacere. Grazie, Salvatore.

  10. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Correggere: “la messa in discussione della -e- evanescente”

  11. salvatore ha detto:

    Grazie, Silvio. Anche il confronto e la comparazione con il tuo dialetto sono serviti per arricchire la ricerca.

  12. mari ha detto:

    ………..a sveglia!!
    La MEmoria mi porta alla foto del passato.La camera da letto ed due colonnette ad ambi lati.Letto matrimoniale di Papa e Mamma.
    ———-nella memoria sogno,nel sogno la memoria mi porta …alla Sveglia!!!!.
    ….Direte:di cosa tene stai parlando?
    —-´LÓrolorgio….é coppe a culunette…..
    ___A Sveglia!!!!siiii…..tutte le sere a dare la *corda*..Altrimenti si fermava.
    ___Tic.Tac—-Tic Tac..(senza toccare le piccole lancette).per puntuare .il campanello che suonasse puntualmente.
    ____L´ora di sveglia,non é che dovesse suonare..no!!!
    ——Fissate era gía nel cervello……si spalancavano gli occhi,mentre lálba rendeva di chiaro nebbia la stanza…….
    Uno sguardo ,bastava,ed allimpiedi cerchando di appogiare il piede sopra il pavimento ….maaa….(in pensiero).o´scarpone addú staaa

  13. salvatore ha detto:

    Grazie Giovanni. Non so dirti altro perchè arrossisco e mi confondo a tanti complimenti.

  14. salvatore ha detto:

    Cara Maria, una parola evocativa di tanti momenti ed emozioni. Grazie assai.

  15. mari ha detto:

    -Salvatore ,amici:MI vengono alla memoria …anche il suona delle parole….
    Come una cantica bella che trapassa lúdito …n´{e fa …musica.
    ———Come scrivere il pentagramma musicale?…servono le parole .il pentagramma ?—–ki lo sá.
    ——–Tratto …vorrei piú precisa scrivere ,……..
    ——Far si che l’altro lo possa capire………….
    infine ,batto la tastira ,il cuore segnala,poi.Tutti i personaggi appaiono …sotto ,sopra della ….vallano in torno….
    …………Perdonami Salvatore tu si Masther in grammatica…io sono il filo della nostalgia…..che non puó farne …matassa ,gomitolo…..Filo sempre filo…..

  16. marisa betrò ha detto:

    Ancora una volta complimenti per il vostro lavoro appassionato e rigoroso, unico e prezioso per tutti i torresi,o almeno per quelli che sono orgogliosi della forza e dello spessore della loro “parola”.

    • salvatore ha detto:

      Grazie, Marisa. Particolarmente a te che tanto hai contribuito nella ricerca e salvataggio di parole ed espressioni del dialetto nostro.

  17. mari ha detto:

    -Brava Marisa……….Lo spessore della parola !

    Il peso della parola il senzo della parola
    A PAROLA TENE TRE SENSE/CHI LA DICE -CHI LA SENTE -CHI LA CANTA !!!!!!

    i

  18. fff ha detto:

    Il lavoro di Salvatore Argenziano è impareggiabile. Non trovo nell’antica e recente bibliografia un testo che compendi in maniera tanto lineare e logica, il senso della ricerca. L’autore nel suo lavoro di ricerca affrnta le tematiche linguistiche con passione e ciò taspare da molti passaggi, quelli in particolare che vanno dalla semantica alla interpretazione filologica.
    Lui attraversa il senso del termine stesso, evocando interrogando il suo passato, la sua storia con la lingua parlata e così quasi per incanto, ad ogni termine si viene a creare quasi in termini magici, l’oggetto, l’atmosfera, la storia stessa.
    Dirgli bravo è poco, è nulla
    Salvatore è per me quella base dalla quale ogni linguista non dovrebbe mai sconfinare. Con lui si apprende il metodo, la gentilezza espressiva e alla fine si apprezza anche il senso dei suoi studi.
    Grazie Tore

Aggiungi un commento