L’eruzione del 1944: gli anglo-americani e Mount Vesuvius

Inserito da: · febbraio 25, 2018

L’eruzione del 1944: gli anglo-americani e Mount Vesuvius

Di

Lina De Luca

Il 13 marzo 1944 una frana nel cratere del Vesuvio ne aveva ostruito la bocca, senza tuttavia offrire agli abitanti del territorio i segnali di una ripresa dell’attività vulcanica esterna, anzi si registrò la scomparsa del tipico pennacchio di fumo che sovrastava la montagna. All’Osservatorio Vesuviano, diretto dal professore Giuseppe Imbò, la strumentazione di controllo registrava invece i fenomeni premonitori di un prossimo parossismo. Imbò operava in condizioni precarie perché l’Osservatorio era stato in buona parte requisito dallo staff meteorologico dell’Aereonautica americana e la strumentazione di controllo del vulcano relegata in un solo locale, dove Imbò, sua moglie Anna Grimaldi, un assistente ed un operatore telegrafico continuavano l’attività di monitoraggio con gli scarsi mezzi a disposizione.

Lina De Luca – L’eruzione del 1944, gli anglo-americani e Mount Vesuvius – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1944

Discussione3 Comments

  1. mari ha detto:

    Cara Lina-
    Cautivante il laboro -Ringrazio di cuore,vorrei poter scribere delle nuove parole,per dare al tuo laboro una connotazione piu brillante,ma non le trovo…..

    ———-Grazie un abbracio forte per il tuo impegno nel farti carne di tanto dolore.

    ————–saluto cordiale
    Maria

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un articolo molto interessante e una dettagliata documentazione fotografica dell’eruzione del Vesuvio nel marzo del 1944. Questi sono rari scatti storici.

    Saluti Jana

  3. marisa betrò ha detto:

    Un lavoro veramente molto interessante e ben documentato. Brava Lina, complimenti !

Aggiungi un commento