Viaggio a Castellammare di Stabia, 1842

Inserito da: · febbraio 25, 2018

A cura di

Aniello Langella

Il viaggio che gli autori del testo fanno, nel visitare nel 1842 la città di Castellammare di Stabia, è un viaggio semplice, privo di critiche politiche, esente da quello spirito pionieristico che animava gli animi di coloro che intraprendevano il Grand Tour. Eppure, scritto con un linguaggio, tipico di quei tempi, a tratti pare voler proprio riecheggiare a quel viaggio, come di chi attraversa terre nuove osservandole dai vetri opachi di una carrozza, di un fumoso treno. Questo che vedremo e leggeremo è un modo semplice di raccontare i fatti accaduti decenni orsono e questi ci servono solo per dar forza ancora una volta nel lettore, quel senso di grande bellezza e di grande armonia che nel paesaggio, traspariva ad ogni passo. Una sorta di tavolozza di colori che si mescolano armoniosamente nel descrivere una città all’alba della unificazione d’Italia. Una città priva di veli, che si mostra in tutta la sua genuina autenticità, fatta di monumenti, di tradizioni, ma anche di bancarelle e di umile commercio. E’ bello così, riscoprire il fascino del passato in un racconto di un viaggio; breve ma intenso. Durante il regno di Ferdinando Carlo Maria di Borbone (Palermo, 12 gennaio 1810 – Caserta, 22 maggio 1859), viene scritto il testo dal quale è stato tratto il diario di viaggio a Castellammare. Da “ La penisola di Sorrento”, di Francesco Alvino, Cavagna Sangiuliani di Gualdana, nel 1842, leggiamo Castellammare di Stabia.

Aniello Langella – Castellammare di Stabia 1842 – vesuvioweb 2017.pub

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    Stabia era governata dall’ ordine senatorio (1); area il suo anfiteatro, le cui rovine
    apparivano patentemente a Varane (2), ed il suo ginnasio ed un gran numero di templi
    (3).
    Sul sinistro lato infine dell’attuale Castellammare sorge un’ amena collinetta sulla
    quale ora è posto un monastero de’ PP. Paolotti (4).
    Qui innalzavasi un, magnifico tempio dedicato a Diana (5); oggi non ne rimane
    mica vestigio; un solo piedestallo antico è posto cola, rinvenuto sotterra nel 1585.
    Mentre da sette anni proseguivansi gli scavi ad Erolano, il re Carlo III nel 1745
    intraprese anche quelli dell’ antica Stabia. E qui furono rinvenuti interessantissimi monumenti,
    i quali per l’arte, pel soggetto e pel loro interesse, sono superiori a quelli di
    Pompei e dello stesso…………..
    ————–Cuanto testo scritto che nei miei confronti non erano mai *visti*.
    ..Interessantissima tutta la sua storia della bella Castellammare di Stavia.

    —Lo si ti ringrazia caro Nello nel portare alla luce tutta una raccolta tanto completa di una delle regioni tanto care per noi del sud .
    ———-Credo lo sia anche a tutto il resto …Conosciuta ancge per i suoi cantieri navali.

    cordiale saluto
    Maria

  2. Falato Silvio ha detto:

    Quanta pacatezza traspare per ogni dove! Emblema di quella serenità d’animo, che dava l’otium quando il termine “fretta” era poco conosciuto.

Aggiungi un commento