12 – La Vocale – E – Vocalismo e consonantismo

Inserito da: · marzo 3, 2018

Vocalismo e consonantismo nella Lenga Turrese

La Vocale E

Di

Salvatore Argenziano

 

Per apofonia s’intende la mutazione della vocale tonica quando diventa pretonica per la presenza di un suffiso ed allungamento della parola, come da cosa > cusarèlla.

***Viviani. Giesù, e ccà pecché se vene? …A farse nu bicchiere ’e vino, a magnarse na cusarella… Nuie pecché simmo venute?

***Eduardo. Ma io ll’aggi’ ’a vénnere… Aggi’ ’a abbusca’ na cusarella pur’io? L’apofonia è sempre presente nella coniugazione dei verbi, alle voci plurali, per la presenza di desinenze che comportano un aumento sillabico della voce, come da
i’ tòrno > nui turnammo; i’ sòno > nui sunammo.

***F. Russo. Perciò, turnammo a nui, ch’ è meglio assaie! / Avite che sentì! So’ rose e sciure!

***Viviani. Ce vò uno ca vede… Ha dda sta’ cu tanto d’uocchie apierte… ca
piglia ’a ggente pe’ pietto… Si no ’e passante sentono e passano, e nuie sunammo.

12 – La vocale E – Vocalismo e consonantismo – Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione2 Comments

  1. Aniello Langella ha detto:

    Salvatore Argenziano è un attento ricercatore nel campo linguistico; il suo lavoro è veramente poderoso. Sceglie il metodo più semplice ed il più appropriato per dipanare le complessità della lingua e soprattutto delle sue applicazioni. Il lavoro fin qui svolto resterà come documento insuperabile. A lui un grande grazie e che continui ancora la sua ricerca piena di grandi scoperte.
    Con stima, con fraterna amicizia
    Nello

  2. salvatore ha detto:

    Grazie assaie, Nellù.

Aggiungi un commento