Amedeo Maiuri e il fascismo

Inserito da: · marzo 25, 2018

Amedeo Maiuri e il fascismo

Di

Giuseppe Maggi

A proposito del reinsediamento di Maiuri a Napoli dopo l’epurazione da parte degli Alleati Fausto Zevi ricorda opportunamente che la proposta di Omodeo, ministro provvisorio nel governo Badoglio, di nominarlo direttore generale alle Antichità e Belle
Arti nell’esecutivo di Salerno non ebbe seguito, contrariamente a quanto si sostiene. Con grande equilibrio afferma: “Poiché egli operò da archeologo e tale si considerò, è sotto questo angolo visuale che ne andrebbe lumeggiata la personalità e giudicata l’opera”6. Si riferiva al fatto che molti, fra cui Marcello Gigante, Carlo Belli e io stesso l’avevamo giudicato – a suo dire – in un modo “altro” rispetto a quella che era la sua professione. Per quanto mi riguarda credo di aver chiarito, nella prefazione alla  terza edizione del 2008 del mio libro, come l’aggettivo “magico” usato nel titolo che aveva fatto tanto discutere voleva  significare soltanto che avevo vissuto il personaggio dal di dentro, senza nessun intento critico.

Giuseppe Maggi – Amedeo Maiuri e il fascismo – vesuvioweb 2018

Aggiungi un commento