Giordano Bruno (1548 – 1600)

Inserito da: · marzo 25, 2018

Giordano Bruno (1548 – 1600)

Di

Umberto Vitiello Vadìm

Più nota e con una storia ben più complessa e travagliata è la statua di bronzo dello scultore Ettore Ferrari in Campo de’ Fiori a Roma, nel luogo dove Giordano Bruno fu arso vivo il 17 febbraio del 1600, inaugurata il 9 giugno 1889, vari anni dopo la breccia di Porta Pia e la conquista di Roma, avvenuta il 20 settembre del 1870. La statua è posta su di un basamento di granito ricoperto da otto medaglioni di bronzo coi ritratti di liberi pensatori e da tre riquadri con gli episodi più significativi della vita del filosofo di Nola. Giordano Bruno vi è raffigurato in un atteggiamento di profonda riflessione, le mani incrociate su un libro e lo sguardo fisso davanti a sé. Una statua era già stata eretta durante la Repubblica Romana del 1849, ma fu fatta distruggere da Pio IX subito dopo la restaurazione dello Stato Pontificio. L’idea di realizzare di nuovo una statua di Giordano Bruno ed erigerla in Campo de’ Fiori a Roma, piazza famosa per le esecuzioni capitali ordinate dai tribunali della Chiesa, fu inizialmente di studenti universitari romani, ai quali presto si unirono studenti universitari di Napoli, Pisa e altre città conquistati dal significato di libertà e di laicismo che Giordano Bruno aveva assunto durante il Risorgimento, in particolar modo a partire dalla Repubblica Romana del 1849 e rafforzatosi con la diffusione delle idee di Mazzini.

Umberto Vitiello – Giordano Bruno (1548 – 1600) – vesuvioweb 2018

 

Aggiungi un commento