La villa romana e il paesaggio

Inserito da: · marzo 3, 2018

La villa romana e il paesaggio

di

Aniello Langella

Era l’umanità della Terra Vesuviana, che si risvegliava e si svelava dopo secoli di buio. E quell’incontro emozionante, che inizio nel secolo XVIII, continua ancora oggi, donando a piene mani a noi oggi, il senso della conoscenza e di quello che definirei oggi come metodo di conoscenza e liturgia del sapere. Un incontro al quale nessuno dovrebbe sottrarsi.

Di tutte le catastrofi che si sono abbattute sul mondo, nessuna ha provocato tanta gioia alle generazioni future.

Nel bellissimo testo Italienische Reise, il Viaggio in Italia che Johann Wolfgang von Goethe scrisse tra il 1813 e il 1817, è contenuta questa frase. Terribile, gelida se vogliamo, ma sintetica e dai contenuti non affatto celebrativi, ma altissimo valore culturale. In questo asserto che definirei quasi commovente è racchiuso il senso stesso della scoperta che si sublima nel concetto allargato di conoscenza e cultura. Goethe nel suo Viaggio, al capezzale delle città sepolte dal Vesuvio, leggeva in quell’urlo furibondo della montagna impazzita, il te deum, il ringraziamento al genio tenebroso e folle che viveva nelle viscere del Vesuvio.

Aniello Langella – LA VILLA ROMANA E IL PAESAGGIO – vesuvioweb 2018.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Archeologia

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Nello, grazie per un articolo molto interessante con un esempio del testo di Johann Wolfgang Goethe per le strade d’Italia e una bellissima litografia di Filippo Morghen.

    La scoperta di Pompei ed Herkulan non è stata solo un’esperienza affascinante, ma anche un riconoscimento della vita e della cultura delle vecchie città, nonché ispirazione per molti artisti. Il Vesuvio fu celebrato da queste città, che furono perfettamente preservate e preservate per le generazioni future durante l’eruzione del 79.

    Johan Wolfgang Goethe ha viaggiato in tutta Italia, interessato alla sua storia e cultura, geologia e mineralogia. Salì in cima al Vesuvio e esaminò le rocce vulcaniche. Ha disegnato una bellissima immagine del Vesuvio, che è su questo link:

    http://gutenberg.spiegel.de/gutenb/goethe/italien/bilder/vesuv.jpg

    Salute Jana

Aggiungi un commento