Lettere dal Vesuvio

Inserito da: · marzo 25, 2018

LA PRIMA LETTERA DAL VESUVIO

1903

Di

Aniello Langella

Mi attendevo di vedere almeno le fiamme ribollire nel fondo del cratere; avrei creduto invece di essere sul Righi o sul Pilatus quando la nebbia fuma dai burroni circostanti. Cosicché imbarcandomi domani sera per Nuova York dovrei ricordare della gita soltanto le noie e le cattive impressioni; per esempio, la vista degli accattoni lungo la via, più numerosi e importuni di quel che non lo dica il Baedecker. Avete veduto stamane come stavano appostati ad ogni svolto, ad ogni angolo per attendere ad una ad una le carrozze al varco e inseguirle protendendo i moncherini nudi? Alcuni perfino si strisciavano carponi quasi tra le zampe dei cavalli, che debbono probabilmente convincerli.

Aniello Langella – Lettere dal Vesuvio – Prima lettera – 1 – vesuvioweb 2016.pub

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I fattarielli di Aniello Langella

Discussione4 Comments

  1. Giuseppina Di Vicino ha detto:

    Le ho lette tutte o quasi tutte e per me rappresentano un momento importante. Con una in particolare, “I bbutteglie ‘i pummarole e le regole delle “regole” ” ho visto nascere in me il desiderio di raccontare anch’io “le mie emozioni” in risposta al tuo racconto, accettando implicitamente il tuo invito alla scrittura. Mi hai aiutata a realizzare un sogno segreto mio e del mio amato padre e di ciò ti sono infinitamente grata. Le rileggerò una ad una per gustare lo stile dei tuoi racconti che, a dire il vero, è la parte che mi piace di più perché a me più consone. Lo so che la tua bravura non ha limite e questo aspetto è indubbiamente quello minore rispetto agli studi
    scientifici, medici, architettonici etc, Bravo, bravo, bravo. Continua sempre così, con forza, entusiasmo e coraggio. La vita è bella proprio perché poliedrica e tu la rappresenti molto bene, amico mio caro. Un grande abbraccio Pina

  2. Silvio Falato ha detto:

    L’amore per la propria terra fa cantare dal di dentro, sì che ogni parola diventa melodia. Bravo, Aniello!

  3. Jana Haasová ha detto:

    Nello, grazie per l’articolo bello e interessante, compresi i voti di J. W. Goethe dalla visita a Napoli e al Vesuvio.

    La mia descrizione dell’impressione dal mio primo sguardo al Golfo di Napoli (il 5 giugno 1998) aggiungo qui:

    Il tanto atteso Golfo di Napoli è davanti a noi. Il sole sta lentamente arrivando a ovest, accarezzando il Vesuvio con i suoi raggi e dandogli un’ombra viola. La maestosa montagna con il fuoco nel cuore guarda Napoli e l’Indaco Blue Sea. Sopra la baia c’è il cielo azzurro senza nuvole. Siamo affascinati da questo look e dai colori incredibili … Dall’intera regione irradia pace e tranquillità. Questo è un bellissimo angolo d’Italia, che ha attratto artisti da tutta Europa e ha dato agli artisti e al mondo – compositori, cantanti d’opera, costruttore, scultore, pittore, scrittore e poeta …

    Salute Jana

  4. Jana Haasová ha detto:

    Johann Wolfgang Goethe dipinse l’eruzione acquerellata del Vesuvio nel 1787. Aggiungo un link all’immagine:

    http://www.goethezeitportal.de/fileadmin/Images/wd/projekte-pool/italien/reisestationen/vesuv/Goethe_Vesuvausbruch__350x421_.jpg

Aggiungi un commento