Una storia d’altri tempi – Capitolo III – Nicolino Ascione

Inserito da: · marzo 3, 2018

Una storia d’altri tempi – Capitolo III – Nicolino Ascione

Di

Vincenzo Pepe

L’affetto del genitore era da lui ricambiato, e arricchito, anzi: perché alla naturale pietà filiale egli aggiungeva un forte senso di quella solidarietà che lega due esseri soli. Timido e introverso, il carattere sognante e riflessivo scavava ancora di più il solco dell’isolamento dal quale sembrava circoscritta e ancora più rimpicciolita la sua non prestante figura di giovane pallido, di bassa statura, e dalle spalle cascanti; col risultato che, se pochissime erano le sue compagnie maschili, inesistenti erano quelle femminili, e non per il fatto che in quei tempi le amicizie tra ragazzi e ragazze erano inconcepibili. Perché le ragazze in genere non lo degnavano di uno sguardo nemmeno di sfuggita; da quando, poi, avevano saputo che era stato anche riformato alla visita di leva, lo evitavano, come se avesse avuto la peste.

Vincenzo Pepe – Una storia d’altri tempi – Nicolino Ascione – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Vincenzo Pepe

Discussione2 Comments

  1. Vesuvioweb ha detto:

    E come sempre Vincenzo Pepe, grande poeta della sua terra non lascia a becco asciutto. Fine narratore, abile artista nella prosa.
    Grazie Enzo

  2. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per l’articolo bello e interessante e le bellissime immagini del pittore Nicolino Ascione, sono vivi, mi piace la combinazione dei colori.

    Salute Jana

Aggiungi un commento