14 – La consonante – S –

Inserito da: · maggio 6, 2018

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

14 – La consonante – S –

Di

Salvatore Argenziano

Mutazione NS/NZ
Da “in+sale” insalata, da cui nzalata. *Basile. avenno voluto a scrivere ’ste composte la semprece bellezza de la lengua napolitana, senza la ’nzalata ’mescata che semmenaro li Varvare e cogliettero li Toscanise…

***Cortese. La primma cosa venne na ’nzalata / De poesie moderne, a primma facce / Assaie bella composta, e rïalata / De sciure de cocozze e de vorracce.

***Sgruttendio. Ca pare, co sse trezze a canestrette, / Iommenta che se venne a quarche fera”. / “De ssa ’nzalata, di’, chi te nne prega? Dal latino “insertum” derivato dal verbo “insèrere” la voce dialettale nzertà, innestare. Dal verbo il sostantivo nzerta, treccia, resta.

**Basile. Lo re, che vedde ca l’aveva ’nzertata a milo shiuoccolo, pe no mancare la parola fece chiammare Porziella, la figlia, la quale non mostrava autro che latte e sango:

***Sgruttendio. Doi saucicce saporite / So’ li lavre tostarielle / E na ’nzerta so’ d’ antrite / Chille diente grossarielle;

***N. Lombardo. Chesta avea, nnantemmonia, no varvone, / Ch’ agne ppilo parea na nzerta d’aglie; Dal latino “pensare”, forma intensiva di “pendere”, penzà.

**Basile. trovato l’una moscia e l’autra torvola, subbeto penzaie che passava travaglie lo cardascio suio…

**Basile. pocca ausolianno cose de gusto se spapurano l’affanne, se da sfratto a li penziere fastidiuse e s’allonga la vita.

14 – Consonante – S – Vocalismo e consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione1 Comment

  1. Silvio Falato ha detto:

    Ricchezza di esempi, che diventano vere e proprie perle! Complimenti.

Aggiungi un commento