La Madonna della mappina

Inserito da: · maggio 6, 2018

La Madonna della mappina

Di

Vincenzo Aliberti

A cura di

Aniello Langella

Da molti dei rimaneggiamenti strutturali, ancora oggi visibili sulla facciata e negli alti piedtritti, si suppone che abbia subito nel corso dei secoli diverse trasformazioni, trovandosi in un contesto urbano allargato tra Caponapoli e il vallone di Foria, nei pressi del Monastero di Santa Maria del Gesù delle Monache. Che venisse identificata, inoltre come Porta San Gennaro già a partire dal secolo X, è dato appurato dalla bibliografia che richiama a quel periodo. E’ certo che il varco alla cinta muraria, si trasformò in vero accesso e porta detta del tufo, munita intorno a quel periodo. Il termine tufo va ricondotto al varco che consentiva il trasporto all’interno della città, grandi blocchi di tufo provenienti delle cave del vallone della Sanità.

Vinceno Aliberti – La Madonna della mappina – vesuvioweb 2018.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

Aggiungi un commento