Mattia Preti a Porta San Gennaro a Napoli

Inserito da: · maggio 6, 2018

Di

Marcello Erardi

Nella porta di S. Gennaro vedesi nella parte superiore l’Immacolata Concezione in mezzo a una gloria di Angeli, col Bambino in braccio; dall’ un de’ lati è S. Gennaro, che offerisce il suo mirabil sangue, per impetrar grazia al suo popolo Napoletano, e dall’ altro lato S. Francesco Saverio, anche inginocchioni; nella parte di basso egli espresse la peste in un gran figurone di donna nuda tutta impiagata con cenci in testa, seduta sopra alcuni scalini in un canto del quadro, la qual si morde con rabbiosi denti le mani. Si astenne giudiciosamente il Preti di dare a questa figura quella bellezza, e grazia, che dar solea alle altre sue, e fecc1a ad arte di enorme gigantesca grandezza, e situata malamente con poco acconcia attitudine, imperciocchè quando mai fu bella, e leggiadra la peste? Ma di grazia abbondano tutte le altre figure di questo quadro medesimo, e bellissime son quelle di seconda veduta, è proprio il componimento di coloro che portano i cadaveri a seppelire, nè certamente possono essere meglio immaginate e situate. Tra le altre vi ha una donna, che con un pannolino turandosi il naso, strascina un cadavere involto in un lenzuolo, nel mentre che altri cadaveri son portati in casse da morto, chiuse per lo fetore, ed altri dentro carrette, acciocchè sgombratene le strade, non si rendesse l’aria più infetta dal loro puzzo1.

Bibliografia

1     Notizie della vita del cavaliere fra Mattia Preti. Bernardo De Dominici. Malta, Tipografia di strada Santa Lucia. Pagina 45.

ICONA PORTA SAN GENNARO1

https://www.facebook.com/Marcello.foto1973/photos/?tab=album&album_id=1071139346335241

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Arte e artisti a Napoli, I monumenti, Storia

Aggiungi un commento