17 – La Vocale – I

Inserito da: · giugno 23, 2018

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

di

Salvatore Argenziano

La Vocale – I

Sostituzione grafica I/E.
Da alcuni anni è in atto una revisione della grafia del napoletano, a cura di insigni studiosi, come Nicola De Blasi e Carlo Iandolo, con argomentazioni valide e logiche che condivido. Lo scopo è quello di giustificare e codificare alcune regole ortografiche, in parte già seguite dagli autori classici napoletani. Dico “in parte” perché pochi hanno seguito in passato queste regole e chi le ha seguite lo ha fatto saltuariamente. Vedi a questo proposito il Raddoppiamento Consonantico che gli autori adottavano soltanto per alcuni elementi duplicanti. Oggi neppure tutti i poeti e cultori del dialetto condividono l’adozione totale di questa regola ortografica. Condivido totalmente questa e tante altre regole oggi proposte ma la differenza sostanziale della grafia da me adottata è costituita dal ripristino della vocale – i -, come desinenza della coniugazione e della declinazione.  Ovviamente ciò va contro la tradizione, quella che sostiene con l’abate Galiani che … non v’è nessun verbo che abbia la  desinenza – i -. L’avere abbandonato in un lontano passato la – i – evanescente per una – e -, quasi simbolo fonetico dello schwa, porta alla conseguenza che i plurali maschili terminano in – e – , vedi per “i padri” -’e pate-, come il singolare -’o pate- e non -’e pati- e, nella coniugazione abbiamo-tu parle- e non -tu parli-. Questa sostituzione secolare della -i- con una -e- risulta un inutile suggerimento di fonia, ben sapendo che tutte le vocali postoniche sono evanescenti.

17 – La Vocale – I – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione1 Comment

  1. Silvio Falato ha detto:

    Analisi profonda e, come al solito, poliedrica. Complimenti.

Aggiungi un commento