Vera relatione dell’horribil caso et incendio occorso per l’esalatione del Monte di Somma detto Vesuvio nel 1631

Inserito da: · giugno 30, 2018

Vera relatione dell’horribil caso et incendio occorso per l’esalatione del Monte di Somma detto Vesuvio nel 1631

Di

Aniello Langella

La stampa del Vesuvio che definiamo agevolmente come pre 1631, ci viene proposta con un’acclamazione che campeggia al centro della pagina e cinge la vetta del Somma e del Vesuvio: SUSCIPIAT MONTES PACEM POPULO ET COLLES IUSTITIAM. L’autore oltre a descrivere con dovizia di particolari, la costa napoletana, ma anche le città costiere e dell’entroterra, vuole inoltre sottolineare la presenza di fitta vegetazione che raggiunge quasi la vetta del Vesuvio. Dopo l’eruzione e nell’immagine dello stesso autore, quella stessa vegetazione apparirà coperta dai prodotti vulcanici. Le stesse città ci appariranno circondare da fiamme e fiumi di fango. L’intera orografia sarà sconvolta dai terremoti, dalle nubi ardenti, dalla cenere, dai fiumi di fango e
dalle produzioni laviche. La stessa linea di costa verrà modificata.

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

Aggiungi un commento