19 – La Vocale – O –

Inserito da: · settembre 1, 2018

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

La vocale O

Di

Salvatore Argenziano

Nel passaggio da una parola alle sue forme composte, si ha uno spostamento dell’accento tonico, dalla vocale radicale ad una successiva, come da -ròta > rutèlla-. In questo passaggio si ha la mutazione Ò/U della vocale radicale, -rò/ru-. Il fenomeno è molto diffuso nella fonetica del dialetto e questa mutazione pretonica può ritenersi priva di eccezioni.

Da còccia > scucciato, scucciànte, scucciatura.; **F. Russo. Partenno aveva ditto: “Si ncuntrammo / nu monaco, nu zuoppo o nu scucciato, / sarrà nu malaùrio! Cammenammo! **Viviani. Comme ha ditto a vvuie stu signore, ca io ll’aggio miso88 ’a mano dint’ ’a sacca, ’o ppò ddicere all’ate… E vuie, avvoca’, nun avit’ave’ né suspette, né scucciature…

19 – La Vocale – O – A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2018

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Analisi molto approfondita ed esaustiva in tutti i suoi aspetti. Complimenti.

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Carogno>carugnone> carugnune; monaco> muonece; Io toso, tu tuse…lloro tosano.

    Sempre ESEMPLARE!

Aggiungi un commento