Il dopoguerra a Torre del Greco e il referendum del 1946.

Inserito da: · settembre 30, 2018

Il dopoguerra a Torre del Greco e il referendum del 1946.

Di

Lina De Luca

Il 2 e il 3 giugno del 1946, anche la popolazione di Torre del Greco, 28.400 elettori su un totale di 33.636 aventi diritto, si recò alle urne per scegliere tra monarchia o repubblica ed esprimere i rappresentanti all’Assemblea Costituente che avrebbe dovuto stilare una nuova Costituzione in sostituzione dell’ormai inadeguato Statuto Albertino risalente ad un secolo prima. Tra i candidati alla Costituente figurava il torrese Crescenzo Mazza, nelle file del Fronte dell’Uomo Qualunque, un partito di nuovaformazione molto diffuso al Sud. Per la prima volta le donne torresi esercitarono il loro diritto di voto, cosa che in altri comuni italiani era già avvenuto in primavera con le elezioni amministrative (che a Torre del Greco si sarebbero tenute soltanto nell’autunno successivo).

 Lina De Luca – Il dopoguerra a Torre del Greco e il referendum del 1946 – vesuvioweb 2018

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Aggiungi un commento