La mitra gemmata del tesoro di San Gennaro

Inserito da: · settembre 1, 2018

La mitra gemmata del tesoro di San Gennaro

di

Marcello Erardi

È marcahile ed ammirabile la coincidenza, che allorché nelle sopradette festività avviene il miracolo di S. Gennaro, cioè della liquefazione del sangue nelle ampolline in Napoli, avviene che rosseggia il residuo del sangue della pietra su cui S. Gennaro fu decapitato in Pozzuoli nella stessa ora; io che e documentato dai costanti rapporti che partono dall’uno e dall’altro luogo. Non ostante che questo portento sia così evidente, non mancano di quei perversi di cuore, o di altre credenze a fare delle osservazioni maligne ed inconcludentà; a questi la miglior risposta che può dare si e di pregarli a trovarsi presenti a questo miracolo, e così convincersi della verità. Sempre che si espone il sangue e la testa di S. Gennaro, il popolo e tra questi marcatamente taluni che vantano per tradizione essere appartenenti alla famiglia di questo Santo, nel proprio dialetto dicono delle orazioni fervorose per ottenere la rinnovazione del miracolo. Allorché nel Tesoro si espone il busto di S. Gennaro sull’altare, viene lo stesso vestito di ricco piviale e mitra gemmata, essi dicono: “Esci e facci grazia Santo bello, gran campione di Gesù Cristo, santone, nostro, prima cavaliere della santa Chiesa; ricco e santo delli doni della Ss. Trinità, e dell’ Immacolata Concezione. Evviva Gesù, evviva Maria, e chi l’ha creato, e fatto Santo martire della nostra S. Fede accresci la nostra S. Fede, e dai lame a chi non crede – Grazia santo bello, stendardo della Ss. Trinità e della nostra fede. Con Gesù Salvatore e con l’immacolata Concezione e coi Ss. Sacramenti San Gennaro tienici mente. S. Gennaro mettici sotto lo manto della Madonna e sotto lo mantiello tuo, e così ajutaci, difendici, riparaci da ogni disgrazia. Messe le ampolle col sangue sull’altare dicono dopo recitato il Credo ed altre anziani: Grazie stendardo della s. Fede e della Ss. Trinità, che coronata di stelle con Maria sempre stà. Alla Ss. Trinità facimmo tanti ringraziamenti pe sta gran santo che c’ha dato Cavaliere di Gesù Cristo, gran santo, ricco delli doni della nostra s. Fede, accresci la nostra s. Fede e dà lume a chi nu crede. Evviva Gesù, evviva Maria e s. Gennaro. S. Gennaro martire della nostra S. Fede.

Da

Memorie storiche della città di Napoli. Di Francesco Ceva Grimaldi. Napoli 1857, pagina 73.

 

Gepostet von Napoli vista attraverso gli scatti fotografici am Samstag, 18. August 2018

 

Aggiungi un commento