Vesuvius 1889

Inserito da: · settembre 30, 2018

Vesivius 1889

James Logan Lobley

Mount Vesuvius

A descriptive, historical, and geological account of the volcano and its surroundings

Londra 1834-1913

 

Una panoramica del Golfo di Napoli. L’incisione che porta la firma dell’editore Roper and Drowley , II, London Ludgate Hill 1889, ci mostra un Vesuvio in eruzione sullo sfondo con l’intera costa che raggunge la Riviera di Chiaia.

La planimetria del Vesuvio alla fine del secolo XIX. L’incisione è tratta da Karl Julius Beloch – Campanien, Geschichte und Topographie des antiken Neapel und seiner Umgebung, 1854-1929

Il Golfo di Napoli nella sua visione planimetrica alla fine del secolo XIX

La Baia di Pozzuoli nel 1889. Il Monte Nuovo a destra.

Il Macellum di Pozzuoli è un sito archeologico situato nel comune omonimo della città metropolitana di Napoli. Per il duplice interesse che esso ha, archeologico e scientifico, è uno dei più noti monumenti di tutto il mondo antico. L’edificio è stato a lungo impropriamente denominato Tempio di Serapide, per il rinvenimento di una statua del dio egizio nel 1750, all’epoca dei primi scavi. Studi successivi hanno invece accertato che si tratta del luogo dove sorgeva l’antico Macellum, cioè il mercato pubblico della Puteoli romana. Esso è, per dimensioni, il terzo più importante monumento romano di questo tipo. A livello scientifico, esso ha rappresentato per alcuni secoli l’indice metrico più prezioso e preciso che si aveva a disposizione per misurare il fenomeno del bradisismo. Risalente al I – II secolo d.C., si presenta come un cortile a pianta quadrata, circondato da un porticato sul quale si affacciano le botteghe che si aprono alternativamente ora verso l’interno ora verso l’esterno; due latrine pubbliche sono dislocate ai lati dell’abside di fondo. Mentre resti di scale che conducevano al piano superiore del porticato si conservano ai lati dell’ingresso monumentale che si apriva verso il porto; infine, al centro del cortile vi è una costruzione circolare sopraelevata, circondata un tempo da colonne sul quale podio si poteva salire tramite quattro scalinate disposte a croce. Tutto l’edificio ricorda nella pianta altri mercati di città antiche, come quelli di Pompei, Morgantina, Roma e Cremna. Tra questi il Macellum di Pozzuoli resta uno dei più grandiosi ed integri, grazie anche alla sommersione bradisismica che nei secoli passati lo ha preservato da una più grande spoliazione dei suoi elementi architettonici.

L’eruzione del Vesuvio del 1872

 

 

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per un interessante articolo, mappe dettagliate del Vesuvio e del Golfo di Napoli, e bellissimi disegni documentari o incisioni del Vesuvio, tra cui vedute del cratere dopo le eruzioni, Campi Flegrei, Baia Puzzuoli e il giovane vulcano Monte Nuovo, nato nel 1538, Macellum di Puzzuoli (Tempio di Serapide). Questi sono documenti preziosi dalla geologia e dall’archeologia.
    Sono stato attratto dal lava “pahoehoe” del 1858 e eruzione Vesuvio 1872.

    James Logan Lobley era un geologo o storico? Stavo cercando ulteriori informazioni, ma sfortunatamente non l’ho trovato.

    Salute Jana

Aggiungi un commento