2 – Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Inserito da: · novembre 4, 2018

Le eruzioni del Vesuvio nella “Gazette”

Di

Franco Tessitore

Da Napoli, il 12 marzo 1760: “Il Vesuvio che improvvisamente aveva cessato di espellere fiamme, ha ricominciato le sue eruzioni con più vivacità che mai. La lava che scorre ha già rovinato la maggior parte dei dintorni del monte e una parte della sua cima è stata abbattuta”. Da Napoli, il 30 marzo 1760: “La nuova eruzione del Vesuvio è molto diminuita”. Da Napoli, il 10 aprile 1760: “Il 4 di questo mese una gran parte della sommità del Vesuvio sprofondò nel bacino. Si teme che questi detriti, impedendo l’eruzione, possano causare dei violenti terremoti. Da Napoli, il 18 maggio 1760: “L’eruzione del Vesuvio è totalmente cessata”. Da Roma, il 1 febbraio 1761: “Scrivono da Napoli che fu avvertita nella notte dal 11 al 12 di questo mese una scossa piuttosto forte di terremoto. L’eruzione del Vesuvio ricominciò e fu accompagnata da un fortissimo fragore. Il 12 mattina ci si accorse che la cima del vulcano era crollata all’interno della voragine. Da quel momento il Vesuvio è assolutamente tranquillo. Si lavora attualmente a riattivare la strada per Salerno”.

2 – Franco Tessitore – LE ERUZIONI DEL VESUVIO NELLA GAZETTE – vesuvioweb 2018

 

Discussione2 Comments

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per l’articolo molto interessante – descrizione della eruzione del Vesuvio e il periodo tra le eruzioni sono molto suggestive. Non c’è da stupirsi che la gente viveva nella paura e incertezza quando il Vesuvio si svegliò e un po ‘massiccia eruzione ha causato notevoli danni materiali o perdite di vite umane.
     
    D’altra parte, osservare l’affascinante processo naturale, attratto pittori provenienti da tutta Europa. opere d’arte create che sono le descrizioni dettagliate di preziosa documentazione per la ricerca Vesuvio attività vulcanica e successivamente altri vulcani.

    Il Vesuvio ha dato la sua attività a salire a un nuovo scienze naturali – Vulcanologia (primo osservatorio del vulcano è stata fondata il Vesuvio nel 1842). Da allora, ha imparato molto circa vulcanismo, collegamento di eruzioni composizione chimica del magma, fumarole ecc, sono stati sviluppati strumenti di misura avanzati, gli scienziati monitorano vibrazioni sismiche, campi magnetici, radioattività, pendenza del vulcano, la sua forma generale, misurare la temperatura di fuga gas vulcanici (fumarole) e rock eseguire analisi chimiche fumarole, che racconta l’eruzione imminente.

    Rimane ancora un mistero, quando si verificherà un’eruzione e quale impulso provoca l’eruzione del vulcano, che è ancora centinaia di anni, anche se la sua camera magmatica è piena di magma. Essa può essere (ma non sempre) i terremoti tettonici possono essere forti piogge quando l’acqua ottiene attraverso le fessure nella roccia nei pressi del magma caldo e il vapore risultante causerà una violenta esplosione … Forse qualcos’altro che non è stato ancora rivelato.

    Salute Jana

    • Franco Tessitore ha detto:

      E’ giusto quello che dice e, in quanto alla possibilità di una nuova eruzione essa e fonte di angoscia, considerata l’estesa urbanizzazione delle pendici del vulcano.
      Le frequenti eruzioni del passato ci inducono a chiederci, purtroppo: a quando la prossima?

Aggiungi un commento