Gondoino Duca di Napoli

Inserito da: · novembre 18, 2018

Gondoino Duca di Napoli

Di

Aniello Langella

Il Meo riferendosi al 593 scrive: “…Nel Maggio dell’anno seguente rescrisse una lettera più risentita, rinfacciandoli ancora di aver voluto far credere, che i magnifici Fausto e Domenico del partito di esso Vescovo2, non furono da lui spediti a Roma, affinché altri litigando, egli intanto ritenesse l’usurpato; e li comandò assolutamente: Theodoro viro magnìfico Majori Populi
portas et Rustico viro clarissimo senjori aliqua contentione restituat; ne in ac re moram, vel aliquam eucustationem interferat; e poi alleghi le sue ragioni se ne ha. Non vi era dunque un Duca particolare, ma il governo era civico. Se vi fosse stato un Duca nel 595, dovea S. Gregorio farlo inteso della deposizione del Vescovo Demetrio3 e nello istesso anno non avrebbe destinati  Pietro Sottodiacono, e Scolastico Giudice a processare e punire i sediziosi Lucullanii, né avrebbe pregato Teodoro Maggiore del Popolo a difendere il Vescovo Paolo o per lo meno ne avrebbe ancora parlato al Duca.

Aniello Langella – Gondoino Duca di Napoli – vesuvioweb 2017.pub

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Proietti un fascio di luce su un periodo buio, ma pure costellato di eventi di una certa rilevanza. Grazie, Aniello.

  2. Maria Franchini ha detto:

    Grazie per questi articoli così rari.
    Maria

Aggiungi un commento