Lo sviluppo urbanistico degli anni Cinquanta e Sessanta a Torre del Greco. I casi di Palazzo Castelluccio e Villa Breglia

Inserito da: · dicembre 15, 2018

Lo sviluppo urbanistico degli anni Cinquanta e
Sessanta a Torre del Greco. I casi di Palazzo Castelluccio e Villa Breglia

Di

Lina De Luca

Per tutto il corso degli anni Trenta e Quaranta del Novecento Villa Castelluccio si identificò con la Scuola di Avviamento diretta dal sacerdote Vincenzo Grillo, uomo di grande cultura e di apprezzati meriti professionali. Sotto la sua guida, per il costante aumento delle iscrizioni, la scuola fu in continuo sviluppo e ciò comportò un sempre maggiore utilizzo dei locali della villa trasformati in aule. La proprietaria, che prima ancora del matrimonio già risiedeva a Napoli col padre, considerava sempre più la prospettiva di vendita dell’immobile e nel 1949 insisteva con l’Amministrazione Comunale sulla convenienza del suo  acquisto, sottolineando altre manifestazioni di interesse ricevute. Con la vendita sarebbero stati ceduti il palazzo con un cortile di oltre 800 metri quadrati, un giardino a valle prospiciente il porto di 1.000 metri quadrati, una cappella12 e il viale d’accesso da Via Diego Colamarino 29. L’offerta di vendita escludeva i frutteti ai lati del viale di ingresso, ai quali doveva essere garantito l’accesso alla signora Consiglio.

Lina De Luca – Lo sviluppo urbanistico degli anni Cinquanta e Sessanta a Tore del Greco – vesuvioweb 2018

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I monumenti, Storia e cultura

Discussione4 Comments

  1. mari ha detto:

    —Complimenti amici.

  2. Ruotolo Giovanni ha detto:

    Pregevole articolo, molto dettagliato, dal quale si evincono le responsabilità di coloro che. per insipienza e per meri interessi personali hanno distrutto un patrimonio storico e paesaggistico di incommensurabile valore e bellezza così come si evince dalle stampe dell’epoca. E tarpando così le ali allo sviluppo della nostra amata ma sfortunata città e relegandola così in uno stato di degrado che tuttora la avvilisce. Comunque un bel saggio storico, complimenti.

  3. Antonio Salerno ha detto:

    sarebbe interessante sapere quando è sta fatta la foto ritraente il complesso molini Marzoli,pubblicata nell’articolo, per ricostruire la evoluzione delle modifiche territoriali. Ad es vedo che il mare si estendeva fino alla roccia lavica che fa da confine dei mulini, macello e chiarina a mare. Inoltre via Cesare battisti è appena accennata,ma c’è la ferrovia: Non ci sono i cantieri navali nel porto. Potreste datare la foto?

    • Vesuvioweb ha detto:

      Risponde la Dottoressa Lina De Luca
      La foto, è stata tratta dalla rete senza esatta datazione ( tratta proprio da vesuvioweb). I cantieri sono stati chiusi e recintati come li vediamo oggi solo nel secondo dopoguerra; la fabbrica di pozzolana e i mulini sono attivi dal 1911, ma mancano le costruzioni più recenti, via Cesare Battisti parte nella costruzione dal 1925 circa, partendo dalla parte di Vallelonga. Mettendo insieme tutti questi dettagli, direi che la datazione è all’incirca verso i primi anni Trenta del Novecento.

Aggiungi un commento