B – da babbà a butto

Inserito da: · gennaio 12, 2019

Lessico e letteratura napoletana

B – da babbà a butto

Di

Salvatore Argenziano

Baccalà: gastr. Merluzzo (Gadus morrhua) essiccato con salagione, diversamente dallo stocco che è merluzzo essiccato al sole, senza sale. Traslato per sciocco, babbeo. *Mussillo ’i baccalà. *Scella ’i baccalà. etim. Spagn. “bacalao”.
*Cortese. Oh quanto porria dicere, e sto zitto, / De chello che fi’ mo nce aggio refuso! / E strenghe e lazze e filo, che st’affritto / Vorzillo mio pe te maie stette chiuso; / Baccalà co la sauza e perzì fritto / Te portava, e le zeppole annascuso, / Lupine, e ciento cose da magnare, / Mo ch’è paidato non c’è cchiù compare».
*I. Cavalcanti. Piglia sempe lo baccalà chiù duppio, e t’arraccommanno sempe la pulezia ch’è la primma cosa dinto a la cucina, lo lavarraje buono.
*F. Russo. Addò l’appoia, sta sbafantaria? / Fa ’o nobbele, ’o sbruffone, e po’ s’abbotta / de pulenta, fasule e baccalà…!
*R. De Simone. Uh mannaggia ’o baccalà / Chi t’è muorto oi mamma ma’ / puozza scula’ / puozza schiatta’ / puozz’j’ cercanno ’a carità
*Poesia Popolare. alli otto alli otto / baccalà cu ’a carna cotta.
*Poesia Popolare. si tenesse che magnà / io nun vulesse faticà / chi tene ’a figlia e nun m’ ’a da / uh se pozza ’nfracetà / comm’a ’na scella e baccalà

Salvatore Argenziano – Lessico e letteratura napoletana – B – da babbà a butto – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione4 Comments

  1. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Perché baccalà ha per traslato i dispregiativi elencati e, invece, non mi risulta che succeda ugualmente per lo stocco? C’entra la salagione, l’aspetto, la fonetica per ii baccalà?

  2. bernardo de chiara ha detto:

    Perchè mussillo ‘i baccalà e non…… ‘e baccalà. Grazie.

  3. salvatore ha detto:

    Caro Giovanni, credo c’entri la fonetica.

Aggiungi un commento