C – da cacà a cuvalera – Lessico Letteratura del Dialetto Napoletano

Inserito da: · gennaio 26, 2019

C

Da cacà a cuvalera

Lessico Letteratura del Dialetto Napoletano

Di

Salvatore Argenziano

cacatalluni: s. m. Cacasotto. Detto di chi si caca sui talloni. Si presuppone che l’evacuazione sia fatta accovacciandosi e non seduto su zipeppe o water.
*Basile. Scalorcia, perchiepetola! / Perchia, mezacammisa! / Cacatallune, semmena–pezzolle! / O sfoca–chiurme, mozza de pottana! / O feccia de vordiello! / Zitto, canna de chiaveca!
*R. De Simone. Zandraglia perugliosa! / Guaguina jetta-cantaro! / Cacatallune a tte e chi sta cu ttico! / Lavate ’a vocca si parle cu mmico ! cacatrònole: s. m. Scorreggiatore. Peretàro.
*R. De Simone. Pirchipetola a me?… Cacatrònole! / Comm’hê ritto?… / Ha ritto cacatrònole… proprio accussì!…
cacaturo: s. m. Cesso, latrina, vaso da notte. Luóco, zi’ peppe.
*Basile. s’hai mostrato lo cannolicchio, o maro de bellezza, mostrame ancora le carnumme, scuopreme ss’uocchie de farcone pellegrino e lassale pascere de sto core! chi sequestra lo tresoro de ssa bella faccie drinto no cacaturo?
cacavéssa: s. f. Diarrea, paura, cacarella. etim. Cacare vessa. Emettere loffa, vescia.

C – Da cacà a cuvalera – Lessico e Letteratura del dialetto Napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione3 Comments

  1. marisa ha detto:

    Ancora una volta il lavoro di Salvatore trascende ogni possibile elogio: magnifico.

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Lavoro impegnativo quanto interessante; peccato che il lessico classico è, spesso,di difficile comprensione (almeno per me). Sempre grazie per le citazioni (oggi non avrei fatto qualche errore di ortografia, a testimonianza che ho studiato!) Buona notte.

  3. salvatore ha detto:

    Grazie, Marisa. Sei sempre stata generosa con il mio lavoro da dilettante appassionato.

Aggiungi un commento