Il contranommo

Inserito da: · gennaio 12, 2019

Il Contranommo

Di

Giuseppe Giacco

Di un giovane bello e di carattere si può dire che è: ammartenato (da martino= coltello dei guappi); se ama vestire a puntino come un damerino: don fichino, milurdino; se si impiccia di tutto e s’intriga come donnicciola: farenello, nacchennello; se è poco virile, è sciacquariello, babbilano; se si atteggia proprio come una donna: femmenella; se è malvagio: bonapezza;  spregevole: cantaro, lota, merdaiuolo, latrino; sciatto e sporco: iummàzzo; buffo e caratteristico: macchiètta; posato: abbasato, accustante; se è un donnaiuolo: sciupafémmene; se lussurioso: carnalaccio; chi dà schiaffi per attaccare briga: schiaffiére; alto e sciocco: sciabbècco, ntòntaro; spendaccione e altruista: scialapòpulo; che non si regge sulle gambe: scioffolato; fastidioso,   noioso: scucciatore; piccolo e deforme: scuncìglio.

Giuppe Giacco – Il contranommo – vesuvioweb 2019

 

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Bella analisi della realtà di un tempo.complimenti.

  2. Carlo santella ha detto:

    Nella zona di Nola , tra gli altri, riscontro :
    1) mazz e pisiell = Pertica per sostenere le piante dei piselli = persona alta magra con capelli ricci.
    2) O’ ruosp = il rospo = persona scostante che spesso non rispondeva al saluto.
    3) e’ fucile = carabina
    4) ‘e Nufrio = di Onofrio
    5) ‘e viern = ???

Aggiungi un commento