La lavorazione della seta e la bachicoltura a Torre del Greco

Inserito da: · gennaio 26, 2019

La lavorazione della seta e la bachicoltura
a Torre del Greco

Di

Lina De Luca

La produzione torrese di vino ha resistito nel tempo ed è ancora attuale, ma lo stesso non può dirsi di un’altra antica attività economica che fu praticata nel territorio  di Torre del Greco dal XVI al XIX secolo, la lavorazione della seta.  A Napoli la produzione serica è attestatain manieradiretta dal XIII secolo, ma sperimenta una decisa svolta tra il 1465 e il 1477. La prima data corrisponde alla venuta in città, chiamato dagli Aragonesi, di un imprenditore veneziano della seta perché vi esercitassela sua attività; la seconda indica l’anno in cui si passò a regolamentare ufficialmente l’Arte della Seta, facendo della corporazione dei mercanti, tessitori e lavoranti di quel settore la più forte associazione di mestiere a Napoli.

Lina De Luca – La lavorazione della seta e la bachicoltura a Torre del Greco – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Storia e cultura

Discussione4 Comments

  1. marisa ha detto:

    Uno studio interessante, che dà evidenza ad un’attività economica torrese finora poco o niente indagata,almeno per quanto ne so. Complimenti.

  2. giovannirusso ha detto:

    “cercare ostinatamente la grandezza della propria città è una domanda che ai più sembra essere fuori dal tempo” Eppure Lei Sig.ra Lina De Luca con le sue ricerche ha colmato in me una curiosità familiare in quanto mia nonna Angela Ascione nata a Portici 1890 e trasferitasi a Torre del Greco era chiamata :”ngiulina a cazettara”. aveva sposato mio nonno Giovanni pescatore venendo da Portici “aveva l’arte” e di questa arte fine io oggi grazie alla sua oculata ricerca scopro con sommo piacere come una cazettara si incontrò con un povero pescatore. L’arte della seta prodotta furtivamente dai nostri avi e sul ns.territorio.Un altra luce accesa sulla laboriosità della nostra città sin dai tempi remoti e pre moderni 1500 in poi.Quindi siamo stati grandi già secoli fa.La sua ricerca ostinata unita alla conoscenza sottile e delicata mi ha dato stasera delle risposte su come eravamo da dove proveniamo e chi siamo o dovremmo essere oggi.Il condizionale dovremmo è obbligatorio visto che si sono disperse tutte queste storiche fabbriche che hanno ospitato forti donne torresi al lavoro degnamente già dal 1700 in poi.Solo cosi si spiega la grandezza di Torre del Greco che a volte troviamo in dei momenti e degli angoli di essa.Non solo città di mare e marinai ma anche e principalmente di terra di quelle parule (ex paludi) che dalla Nazionale depongono alla Litoranea e a quelle di giù a San Giuseppe …alle Paludi e non solo ma di grandi estensioni di terra coltivate a frutta sino agli anni 1950 da Villa Macrina a scendere sino al mare ortaggi nella fertilissima terra che si estendeva dal Colle di Sant’Alfonso sino al mare verso Est a Leopardi e verso ovest a Sant’Antonio … Dal gelso torrese che ci ha lasciato l’odore e il rosso fuoco delle ceveze annevate…a neve int e ceveze voci che a volte si sentono d’estate in giro e ci fanno accarezzare quel dolce frutto ( a me piacciono più quelle bianche e forse da questa derivava il baco prodotto da noi?) un altra accorata pagina di storia locale troppo nascosta e annullata dal consumismo e dal boom degli anni sessanta che ha portato molti troppi marittimi a distrarsi dalle capacità e dalla generosità della nostra terra dataci dal vero padrone quel Vesuvio che ci ha dato il “topos” e “l’humus” di cui tutti noi torresi ne siamo fieri…Vesuviani doc,, perchè generati dal ventre del Vulcano e suoi figli,perchè finchè gli occhi vivranno ogni giorno posano lo sguardo al Vesuvio e al Mare. Grazie

  3. Maria ha detto:

    Gracias molto interessante

  4. giovannirusso ha detto:

    lei è molto attenta e ricercatrice accurata di cose storiche la seguo da parecchio ho letto e tengo gelosamente i suoi libretti/opuscoli sulla marineria torrese e altro il mio è un amore sviscerato e una curiosità particolare a tutto ciò che mi circonda figuriamoci poi ai luoghi della nostra splendida città. Mi sarebbe piaciuto conoscere o cercare e scrivere sui modi di vivere del nostro popolo fra il 1300 e il 1700 sui costumi di un popolo così “originale” rispetto alle cittadine vicine.Originale in tutto a partire dal dialetto e dai tratti e modi di fare diversi. E’ una idea che andrebbe corroborata da specifiche ricerche antropologiche e culturali/religiose della nostra città.Partendo dagli antichi mestieri e corporazioni.In ogni casa torrese si respira la storia dai bisnonni a scendere.Dovremmo mostrarla e conoscerla tutta senza inventare nulla con naturalezza perchè la stessa storia nostra merita.Sarebbe un grande salto di qualità…
    Au revoir

Aggiungi un commento