22 – Agglutinazione

Inserito da: · febbraio 8, 2019

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

L’agglutinazione

Di

Salvatore Argenziano

L’agglutinazione dell’articolo consiste nell’unione dell’articolo al sostantivo con la realizzazione di una nuova parola dello stesso significato, come da menta > amenta. Spesso questa diventa di uso comune e prevalente rispetto a quella iniziale
acciànza Occasione, opportunità. Dal francese “chance”, con ipercorrettismo SC/C della pronuncia francese e mutazione S/Z, sempre dalla pronuncia francese > cianza. Da -a cianza- > accianza con agglutinazione dell’articolo e geminazione della -c- pretonica. alaccia. Una doppia agglutinazione è presente per questa parola. Dal latino tardo àppiu(m), dal classico àpiu(m)=sedano, da apis=ape, perché inteso dagli antichi come pianta delle api. Da “appio”, con agglutinazione dell’articolo, -l’appio > lappio- e laccio, con mutazione -ppi->-cci-, come da “sepiam” > seccia. Nel linguaggio popolare, laccio cambia genere e passa al femminile laccia (vedi citazioni di G. D’Amiano). Una seconda agglutinazione porta da –a+laccia- ad – alaccia-, come nei miei ricordi torresi.

22-Agglutinazione – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione5 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    ‘Nce sta da fa’! Si ‘nghamba!

  2. mari ha detto:

    Complimenti amatissimo Tore

  3. mari ha detto:

    Dal latino “mentha”, il nome menta della mentha piperita. Per
    agglutinazione dell’articolo, -a+menta- > amenta.
    ***S. Di Giacomo. Frunnell”amenta! / E ’a ch’ ero durmiglione e sunnulento, / io mo mme
    songo fatto matenante. ***R. Chiurazzi. ’A strata nu salotto t’addeventa: / càmmese e
    suttanine arricamate, / addore ’e spiritosa chiena ’amenta, / addore ’e frutte e ffravule
    cunciate
    …………..meravigliosa!!!! grazie per la ricercha gentil amico

  4. giovannirusso ha detto:

    Le sue esplicazioni sono da cineteca o meglio da una teca che dovrebbe conservare tutte le parole in questo mondo fatuo e inutile ci vorrebbe una invenzione tale da archiviare tutte le parole della nostra amata “lengua turres”:Sono nato in Vico Agostinella e vissuto in largo Bandito per me i signur erano quelli di Piazza Santa Croce.Tra i mieI 6 E 18 anni sono vissuto ascoltando: evvi glioc evv glianna evv ccanna …etc. una intera sequela di stroppole senza senso che oggi in età matura vorrei ripetere nella vita monotona che conduciamo.Dal classico richiamo di una madre :” a neeeee vien accahh” quelle vocali femminili chiuse gutturalmente con una sorda parola maschile acccoo era vieni qua al massimo acca. E tante altre che non mi sovvengono Le chiedo come mai perchè il nostro originalissimo dialetto nella zona mare nei quartieri piu poveri si è sempredistinto da altre zone piu signorili e cittadine nonchè dagli altri strani dialetti di “coppa adda nnnuie” di quelli di leopardi zona nazionale CARATTERIZZATO da una sguaiatezza unica originale rispetto ai dialetti di altre città a noi vicine pure esse ricche di storia tipo Ercolano-Torre Anniunziata- Castellammare di Stabia.Questa forma poco graziosa di tale forma dialettale in essere fino a qualche decennio fa (oggi rimangono pochi spunti zingareschi) ma il grosso è andato perso vorrei apere se è stata la madre, l’origine del nostro dialetto o se altro. Grazie per i suoi scritti e le sue ricerche

    • salvatore ha detto:

      Caro Giovanni, quello che caratterizzava massimamente il nostro dialetto torrese era la presenza di una -a- chiusa, quasi una -ò- che rendeva unica la nostra parlata. Eppure quella -a- chiusa non era una sguaiatezza fonetica ma una particolarità grammaticale. perduta in altri dialetti.
      Il poeta (di fama internazionale ) Michele Sovente di Cappella di Monte di Procida scriveva, nel dialetto del suo paese, -ccò- per qua e -fò- per -fà- ed era orgoglioso del suo dialetto. Certamente il confronto con la parlata napoletana, dove tutte le -a- sono aperte, è molto stridente ma il mio piacere è stato proprio quello di analizzare questa particolarità torrese. Poi, se a parlare è una persona sguaiata, anche in napoletano c’è da rabbrividire.

Aggiungi un commento