22 – Agglutinazione

Inserito da: · febbraio 8, 2019

A Lenga Turrese Vocalismo e Consonantismo

L’agglutinazione

Di

Salvatore Argenziano

L’agglutinazione dell’articolo consiste nell’unione dell’articolo al sostantivo con la realizzazione di una nuova parola dello stesso significato, come da menta > amenta. Spesso questa diventa di uso comune e prevalente rispetto a quella iniziale
acciànza Occasione, opportunità. Dal francese “chance”, con ipercorrettismo SC/C della pronuncia francese e mutazione S/Z, sempre dalla pronuncia francese > cianza. Da -a cianza- > accianza con agglutinazione dell’articolo e geminazione della -c- pretonica. alaccia. Una doppia agglutinazione è presente per questa parola. Dal latino tardo àppiu(m), dal classico àpiu(m)=sedano, da apis=ape, perché inteso dagli antichi come pianta delle api. Da “appio”, con agglutinazione dell’articolo, -l’appio > lappio- e laccio, con mutazione -ppi->-cci-, come da “sepiam” > seccia. Nel linguaggio popolare, laccio cambia genere e passa al femminile laccia (vedi citazioni di G. D’Amiano). Una seconda agglutinazione porta da –a+laccia- ad – alaccia-, come nei miei ricordi torresi.

22-Agglutinazione – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Stròppole linguistiche

Discussione1 Comment

  1. Silvio Falato ha detto:

    ‘Nce sta da fa’! Si ‘nghamba!

Aggiungi un commento