La notte del Piedegrotta

Inserito da: · febbraio 8, 2019

Giacomo Marulli – La notte del Piedegrotta

Di

Giacomo Marulli

Recensione di Vincenzo Pepe

Attorno alle figure dei protagonisti ruotano numerose identità secondarie, anche queste, però, delineate con efficacia. Ecco, per esempio, la figura di Salvatore, uno dei delinquenti che eseguono materialmente i crimini progettati da Don Lionardo:  Salvatore era no giovane de cosetore, lo quale, però, se l’anno era composto de dudece mise, isso ne steva a spasso tridece, bravo a ll’arte soja, pittava lo sole quanno pe combinazione aveva pe le mmane quacche piezzo de lavoro; ma de chesta bravura soja poco se ncarrecava, e mmece passava la vita soja a pappalardielle, senza fa maje niente, passanno la matenata dinto a
la taverna o a la cantina, mbriacannose a meglio a meglio, rociolianno pe tutta Napole co le mmane dinto a le ssacche, dormendo lo doppo magnato, e tornanno ad ascì n’autra vota la sera, primma pe ghì a trovà Don Lionardo, e a lo scennere da chella casa pe mpezzarese addò?

Giacomo Marulli – La notte del Piedegrotta – Recensione di Vincenzo Pepe – vesuvioweb 2019

 

Discussione1 Comment

  1. mari ha detto:

    Lo ccafè che se vendeva llà dinto era na cosa, che sissignore era nera de
    colore, ma de sapore non se poteva appurà chello che era e da che materia
    era composta: si da fave arrostute, da uorgio, da cicere o da quacche autra
    materia; de cafè no certamente. Doje botteglie una d’ànese e n’autra de
    rumma allungata co tre quarte d’acqua da le quale ascevano li senze, e
    n’autre doje o tre botteglie co stomateco, cienterba e acquavite la cchiù forte
    che ce poteva essere, che servevano pe fernì de guastà lo stomaco già
    guastato a quarcheduno che coll’idea de se l’acconcià se ne pigliava na
    presa. …………………….
    …………..Incanto de lettura!!!grazie amico

Aggiungi un commento