La Regia Strada delle Calabrie – Viaggio da Napoli a Castellammare – Fonderia di ferro, Ponte, Dogana e Macello

Inserito da: · febbraio 23, 2019

La Regia Strada delle Calabrie

Viaggio da Napoli a Castellammare

Fonderia di ferro, Ponte, Dogana e Macello

Di

Aniello Langella

L’edificio della Dogana, che in molta bibliografia viene anche detto “Dogana Orientale” visse per diversi anni ed assolse come tutte le sedi gabellari, all’odioso compito di riscossione delle tasse di transito. Data la sua forma architettonica, la sua maestosità neoclassica e la severità dell’impianto frontale, venne anche definito come il “palazzaccio” inteso come ovviamente nel senso stretto del termine. Un lunghissimo periodo di abbandono dopo il periodo dell’Italia unitaria, rese questo luogo insicuro e sede di incontri conviviali malavitosi. Gli anni ‘60 del secolo scorso lo videro decadente, abbandonato, sede abitativa per abusivi. Finalmente il crollo del tetto che risalirebbe ai primi degli anni ‘80 ne decretò la fine.

3 – Viaggio da Napoli a Castellammare – Fonderia di ferro, Ponte, Dogana e Macello – vesuvioweb 2018.pub

 

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Pregevole esempio di amore per le cose nostre che fa resuscitare eventi e persone di tempi lontani. Complimenti.

  2. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Un viaggio–racconto straordinario per definire la nostra storia antica e recente.
    Le osservazioni sui macelli e l’indegno modo straziante di uccidere le bestie da macello, sono, per molti aspetti ancora attuali. La richiesta di trovare il modo di ucciderli rispettando il loro dolore è un grande segno di pietas nei confronti di tutti i viventi. Un articolo che si legge come un piacevole racconto, anche per il perfetto e
    fluido italiano usato. Un sentito grazie al dottor Langella.

Aggiungi un commento