D – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – da damma a duzzana – Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Inserito da: · aprile 7, 2019

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

D

Da damma a duzzana

Di

Salvatore Argenziano

 

Denucchiàto: agg. Addenucchiato. Inginocchiato. Part. pass. del verbo rifl. denucchiarse.
*S. Di Giacomo. I’ nun saccio pecche, quanno murette / mammema bella e, comm’ a nu stunato, / sulo, a tenerla mente io rummanette, / appede de lu lietto addenucchiato;
*R. Bracale. Guaglione ce venevo a serví ’a Messa / addenucchiato pe quase ddoje ore: / don Antunino cu ’a pianeta d’oro / parlava a tu pe tu cu ’o Salvatore…
*R. De Simone. E tutta la pupulazione / me purtarrà rispetto e devuzione / e quanno passo comm’ a na prucessiona / addenucchiato ognuno sta / E addenucchiateve quanno io passo / pass’ ’a riggina ’e chesta città.
*Poesia Popolare. E tutto lo jorno sto addenocchiato / e non per altro no, / e ca Dio me lev’ ’a nanze sto scurore / deh quanto sei bella tu…

D – Da damma a duzzana – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione2 Comments

  1. mari ha detto:

    …………..Impresionante come del solito cara Slavatore,

  2. Silvio Falato ha detto:

    Nel Sannio Pentro oltre a “dammaje” = danno molto usato è il denominale “dammajale” = colui che provoca continuamente danni, maldestro.

Aggiungi un commento