Pompei 1825

Inserito da: · maggio 31, 2019

Pompei

1825

 

Rassegna iconografica dei Pompei. Le immagini che accompagnano il testo sono di grande rilievo, in particolare nei disegni planimetrici che risultano essere di grande qualità e coerenti alle parametrazioni attuali. Completano la rassegna iconografica dell’opara del Goro, alcune vedute, con personaggi in costume, che risentono molto del periodo manieristico e romantico. Anche qui, si ripropone lo spirito del Grand Tour che tanta gente aveva attratto e convogliato verso le terre distrutte dall’eruzione pliniana e che tanta eco aveva avuto in quell’Europa, politicamente instabile. Un ritorno sui luoghi di una memoria storica mai sopita, mai completamente paga di conoscere e scoprire. Ritornare in questi luoghi arsi dalle “fiamme del Vesuvio” era come rivivere l’immane catastrofe. Fascino, orrore, disperazione e gioie si affastellano, come sentimenti nell’anima del viaggiatore e tra i tanti Johann Wolfgang von Goethe, che nel suo Viaggio in Italia a riguardo scrive: “E’ chiaro, se si pensa quanto dista la città dal Vesuvio, che la massa vulcanica seppellitrice non poté esser spinta fin qui da un’esplosione né da un turbine di vento; c’è da pensare piuttosto che lapilli e cenere abbiano volteggiato per un certo tempo a guisa di nuvole, finché si abbatterono sulla sventurata località… Ci detergemmo lo spirito dall’impressione straordinaria, e fino a un certo punto deprimente di quella città mummificata, consumando un frugale pasto sotto il pergolato d’una piccola osteria in riva al mare, deliziati dal cielo azzurro, dalle luci e dai bagliori marini, e nella speranza, il giorno che questo posticino sarà tutto coperto di pampini, di ritrovarci ancora qui per godere le medesime delizie”.

A cura di Aniello Langella

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini sono state tratte da Wanderungen durch Pompeii, di Ludwig Goro von Agyagfalva, 1786-1845. Dato alle stampe nel 1825.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

Aggiungi un commento