Pompei 1828

Inserito da: · maggio 31, 2019

Pompei

1828

Il viaggio che viene proposto nel testo di James Duffield è carico di emozioni; spesso si allontana, intenzionalmente, dalla descrizione archeologica dei luoghi visitati. Sembra quasi un approccio didattico, quasi accademico e celebrativo, per poi sconfinare senza molte inibizioni nella lirica romantica del periodo sporico che lo tiene adeso alle radici della narrativa. E così il testo divente nella sua lingua originale, quasi un incanto, un risveglio onirico ma reale tra le vestigia di quella che osa definire non città morta, ma vivente, ancora gaudente e solare come forse quell’ultimo giorno che la vide tale alle falde del Vesuvio. Un viaggio anche questo tra le antiche dimore appena dissepolte e umide, tra le strade lastricate che sembrano risuonare del passaggio dei carri e paiono ancora cantare per il vociare della calca. Le stampe a corredo del testo sono di alta qualità e soprattutto fedeltà nei confronti dello scenario che intanto è mutato nei secoli. Di ciascuna stampa si legge la didascalia, e gli autori e ciò impreziosisce il documento che abbiamo voluto qui proporre.

A cura di Aniello Langella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini sono tratte da Views of Pompeii di William Light, 1785-1839; Harding, James Duffield, 1798-1863. Dato alle stampe nel 1828.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Bellissimi dipinti, perfetti e precisi. Ammirabile. Pompei prende vita nelle opere degli artisti. Grazie.

    Salute

    Jana

Aggiungi un commento