Pompei 1910

Inserito da: · maggio 31, 2019

Pompei

1910

A cura di Aniello Langella

“Napoli, il 13 marzo 1787…”, con questa annotazione Johann Wolfgang von Goethe, inizia a tratteggiare una delle sue passeggiate romantiche a Pompei. E prosegue: “Oggi pure voglio scrivere alcuni versi, acciò una lettera tenga dietro immediatamente all’altra. Tutto mi va a seconda; però io vedo meno di quanto dovrei. Questo cielo ispira la mollezza, il desiderio di vita comoda; intanto però, vado acquistando poco a poco, idea sempre più precisa della città. Domenica siamo stati a Pompei. Avvennero molti infortuni a questo mondo, ma nessuno che valga ad arrecare cotanta soddisfazione ai posteri. Non ho visto finora cosa più interessante di quella città sepolta. Le case vi sono piccole, ristrette, però dipinte tutte all’interno nel modo, il più grazioso. La porta della città, come parimenti i sepolcri, sono meravigliosi. Viddi la tomba di una sacerdotessa, a forma di banco semicircolare, con spalliera, in pietra, e con una iscrizione incisa a grandi lettere. Si vedevano al di sopra della spalliera il mare, ed il sole che scendeva all’occaso. Località stupenda, degna del bel pensiero”.

Sono le parole di un viaggiatore, di un poeta, di un romantico artista che celebra a tutti i costi la bellezza e vuole che questa assurga ad emblema assoluto della vita ed anche dell’esistenza più oltre, allontanandosi discretamente e per un attimo dal suo innato laicismo.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le immagini sono state tratte da Pompeii, W. M. Mackenzie, dato alle stampe nel 1910 a Londra.

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Archeologia, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Una bella e poetica descrizione di Pompei del grande poeta Johann Wolfgang Goethe con belle immagini – probabilmente acquerelli. Chi è la pittura? …

    Grazie per la meravigliosa esperienza e salute

    Jana

Aggiungi un commento