Vesuvio 1767

Inserito da: · maggio 23, 2019

Vesuvio 1767

A cura di

Aniello Langella

 

E’ il 19 ottobre del 1767. L’eruzione andrà avanti fino al 27 dello stesso mesi e per settimane ancorail Vesuvio mostrò dall’alto della sua vetta il tipico pennacchio. La terrà aveva inizoato a tremare già da due settimane prima del fragoroso evento vulcanico e la notte del 17 ottobre “…e lo ricordo come adesso…”, si ruppero i vetri della cristalleria del padiglione delle cineserie. I cani latrarono tutta la notte e quella successiva. Fu un’eruzione cosiddetta mista, tipica di quel 18° secolo vesuviano, costellato di mille fenomeni vulcanici, sismici, geologici nel senso lato. Mista percè anche effusiva e le lave in quell’anno scesero per Ercolano, S. Giorgio a Cremano e Boscotrecase. L’eruzione fu preceduta da un sensibile abbassamento del livello della falda freatica. Il cono intero si spaccò sul fianco settentrionale e da quella profonda voragine scaturì una una colata di lava che si diresse verso nord ovest. Si aprì ancora un’altra bocca sul fianco meridionale, mentre una colata si diresse a sud. Intorno al 20 di ottobre si formò una nube esplosiva sulla sommità della Montagnache ricadde nei giorni successivi a terra come pioggia di cenere. Non mancarono le piogge e le rotture delle falde acquifere e nei giorni ultimi dell’eruzione si generarono colate di fango che si diressero verso sud. Lave per circa 6 milioni di metri cubi; ceneri per 600.000 metri cubi. Vennero distrutti i campi coltivati e gravi furono i danni agli edifici. In tutti i giorni dell’eruzione si generarono boati gravissimi accompagnati da terremoti e questi, di tale intensità fino a quella data non furono mai così tanti e tanto documentati.

 

 

 

 

 

 

Observations on Mount Vesuvius, Mount Etna, and other volcanos: in a series of letters addressed to the Royal Society by Hamilton, William, Sir, 1730-1803; Basire, James, 1730-1802; Cadell, T. (Thomas), 1742-1802; Royal Society (Great Britain).

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L'eruzione del Vesuvio del 1767

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per una descrizione dettagliata dell’eruzione del Vesuvio del 1967, completa di splendide incisioni e cambiamenti di cratere nell’eruzione. Molto interessante anche la vista sull’Etna da Taormina.
    L’eruzione del 1767 ispirò più artisti, come:

    Pietro Fabris – https://www.maremagnum.com/uploads/item_image/image/569/interior-view-crater-mount-vesuvius-4fb66ab2-d3d4-488c-8964-bfe508a7c7f2.jpeg

    Ambroise Tardieu – https://www.planetpompeii.com/public/news_gallery/vesuvio-3.jpg

    Pierre Jacques Volaire – olio su tela – 169 x 75 cm – 1767 – (Museo del Louvre (Parigi, Francia))

    Pierre Jacques Volaire – https://it.wahooart.com/Art.nsf/O/8Y3LNZ/$File/Pierre-Jacques-Volaire-The-Eruption-of-the-Vesuvius-2-.JPG

    Salute Jana

Aggiungi un commento