Lucrezia D’Alagno e Alfonso D’Aragona

Inserito da: · settembre 13, 2019

Lucrezia D’Alagno e Alfonso D’Aragona

Di

Pierpaolo de’ Gennaro

La novella

       Appena giunto con il treno a Torre del Greco, dal finestrino vedo la scia solare provenire dal mare per illuminarlo con la sua calda, tersa e radente luce arancione fortissima. Ad occhi socchiusi ammiro la nitidezza dei tratti con cui essa mi mostra, al di là di fitti casamenti, giardini d’agrumi murati da pareti scure: rivestite dalle quane calcine mescolate al lapillo locale. Alle loro spalle dominano le inerbite pendici del Vesuvio. Tutto gioisce su un fondo d’azzurri lontani, sotto il Sole calante che ho di fronte, ma ancora alto: tanto che mostra un’autostrada d’oro sull’acqua. Nel percorre con lo sguardo quest’ultima, raggiungo in un baleno idealmente Ventotene. È al centro ed in fondo allo stretto canale di Procida: tra Capo Miseno e Punta Pappeto, mentre il castello d’Ischia a stento fa capolino da Punta Solchiaro. Ad un tratto, mentre contemplo quasi inebetito questa scena sublime, il medesimo lampo luminoso, quasi per incanto, mi fa ritrovare in una delle camere del palazzo della mia fantasia. Ed è qui che, da un’oscura camera, osservo ancora l’identico quadro attraverso un unico grande balcone arricchito di vasi stracolmi di gerani e ricoperto da un pergolato di roselline bianche che mi inondano di dolci profumi.

De Gennaro Pierpaolo – Lucrezia D’Alagno e Alfonso D’Aragona – vesuvioweb – 2019

Aggiungi un commento