E da èbbreca a ezzètera

Inserito da: · ottobre 4, 2019

Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano

E da èbbreca a ezzètera

Di

Salvatore Argenziano

Evera fasulara: Vescicaria. Evera cardilla: Erba cardella.
*Cortese. Po’ pisaie maiorana e fasolara, / aruta, menta, canfora e cardille, / e
n’erva che non saccio, puro amara, / che se dace pe vocca a peccerille, / e
disse: “Te’, se la tenite cara / a bevere le date sti zuchille, / ca n’averrà de
ventre maie dolore / e se farrà commo no bello sciore”.
*N. Capasso. Pecchè se legge a chiù de no Romanzo / Ca la fava è bentosa, e,
perzò primma / Spara na vessa, e po toppa l’avanzo. / E l’ordenaro de
piglià la cimma / De Fasolara, ch’è defrescativa, / E mettrencella ncuorpo
comm’a ntimma,
Evera fetènte: Finocchio fetido. (Ferula assa-foetida) detta comunemente i fetiénti.
*P. Sarnelli. «Che ’mporta chesto? – disse la Fata. – Non sempe cammina la
regola: Comm’è la chianta è la schianta. Perché se vede ca da le spine
nasceno le rose, e da n’erva fetente nasce lo giglio: accossì Nunziella da le
spine de l’avarizia de la mamma è nata comm’a na rosa, pe l’affrezzione che
sente de li guaje d’aute, da l’erva fetente de chella brutta caira è schiusa
comm’a giglio de bellezza.»
*S. A. Alla valletta del Santuario, la Foce / dove pigramente tra canneti / il
Sarno sbocca alla luce, / andiamo per fare i bagni / nell’acqua bassa /
ferma, fredda, muta, / tra il gracidare di rane / i nocciòli generosi sul
sentiero / il nauseabondo odore / dell’erba fetente / e la polvere della riva.

E da èbbreca a ezzètera – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione1 Comment

  1. Silvio Falato ha detto:

    Da noi, nel Sannio Pentro, la forma “akkapace” la troviamo solo e unicamente nell’espressione “Akkapace ka chjove!” = Speriamo che piova! Complimenti e grazie.

Aggiungi un commento