Settembre nero

Inserito da: · ottobre 4, 2019

Settembre nero

di

Francesco Raimondo

La Villa, purtroppo, non era disabitata. In quei giorni drammatici anche il proprietario, noto avvocato napoletano, nonché uomo politico “di lunga navigazione”, lì aveva trovato nascosto rifugio, assieme alla sua fidata segretaria tedesca, come l’antica scrittura recitava, allontanandosi prudentemente dalla Città in affanno. Uscirono entrambi dalla porta centrale e li fermarono al centro del viale: “Chi siete? Come siete entrati? Cosa volete?” Il noto avvocato era visibilmente contrariato da quella “irruzione” nella sua proprietà, nel suo “rifugio”. “Eccellenza, i tedeschi stanno arrestando i giovani per portarli in Germania….. ammiez a Torre, a mmiez a parrocchia…..ce vulessemo annasconnere….” “Ma quanno maie! Ascite, ascite! I’ v’avessa denucià sulo pecchè site trasute senza permesso! E poi voi state disubbidendo ad un Proclama! State commettendo un’illegalità. Mi volete far passare un guaio? Se si dovesse sapere che vi ho nascosto…”. Si guardarono interrogativi i tre o quattro giovani tra di loro e poi uno di loro fece: “Per carità Eccellenza non vi pigliate collera, noi ce ne andiamo subito” girarono i tacchi e lo lasciarono al centro del vialetto dimessa sagoma scura assieme alla sua teutonica segretaria. Ogni medaglia ha le sue due facce.

Francesco Raimondo – Settembre nero – vesuvioweb 2019.pub

 

 

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, I personaggi illustri, Storia e cultura

Discussione1 Comment

  1. María ha detto:

    . complimenti per la disponibilità di una vostra gentile attenzione.cordialmente…..Maria

Aggiungi un commento