Vesuvius 1646

Inserito da: · ottobre 19, 2019

Vesuvius 1646

A cura di

Aniello Langella

An Itinerary Contayning a Voyage, Made Through Italy, in the Yeare 1646, and 1647. Illustrated with Divers Figures of Antiquities. By John Raymond. London 1648

Ho estratto dal testo in esame la parte relativa a Napoli, i suoi dintorni ed il Vesuvio. Siamo nel 1648 ed il testo si riferisce ad un viaggio consumato in Italia dal 1646 ed il 1648. Un viaggio descritto ed illustrato, ma allo stesso tempo una sorta di vademecum sintetico che ha lo scopo preciso di indirizzare lo sguardo su monumenti precisi, su ambiti territoriali importanti. La storia del territorio viene appena lambita, mentre invece ci viene riportato quasi come in un dipinto estemporaneo e con guizzo veloce, ciò che di “magnifico”, di “superbo”, in qualche modo rappresenta l’Italia bella di quei tempi.

Mi sono imbattuto in una stilizzata immagine del Vesuvio. Siamo, come dicevo nel 1646 ed il Vesuvio in questa immagine ci appare come in una stilizzata icona rappresentativa. I “turisti” di questo precoce Grand Tour, sono giunti alle falde del Vesuvio in groppa ad asinelli; hanno scalato la vetta, carponi, quasi arrampicandosi per una strada segnata. La loro discesa ci appare indicata in un viottolo scosceso dove i turisti stessi sembrano discendere al piano quasi in un gesto atletico che richiama lo sci.

Il Vesuvio si mostra con la sua sagoma “classica” quasi come quella odierna. Il Monte Somma ad occiente e la vetta ad oriente in una prospettiva o visione frontale. Un bocca eruttiva sul lato mare. La vetta del Vesuvio più bassa rispetto al Somma.

Affascinano le pagine di questo viaggio; sono una testimonianza di questa terra che dopo l’eruzione del 1631, restò sterile a lungo, devastata da coltri di prodotti eruttivi. Un viaggio nel viaggio alla scoperta della terra vesuviana all’alba quasi, di una delle più terrificanti eruzioni vesuviane: il 1631.

Ti piacerà questa stampa. Lo sappiamo, cortese Lettore. Fanne buon uso e soprattutto, ricorda di citare la fonte VESUVIOWEB, che ti ha regalato questa nuova imperdibile emozione.

“Il Monte Vesuvio” titola la stampa. Turisti giunti al piano in groppa ad asini o cavalli. Una “guida” li attende durante l’escursione in quota. Salgono in cima quasi arrampicandosi. Discendono al piano lungo un percorso quasi ruzzolando. Una bocca eruttiva. La cima del Monte Somma ad ovest. La vetta del Vesuvio più bassa del Somma, quasi a ricordarci del recente e catastrofico evento eruttivo del 1631. Ti piacerà questa stampa. Lo sappiamo, cortese Lettore. Fanne buon uso e soprattutto, ricorda di citare la fonte VESUVIOWEB, che ti ha regalato questa nuova imperdibile emozione.

Aniello Langella – IL MERCURJO ITALICO – 1648 – vesuvioweb 2019.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, L’eruzione del Vesuvio del 1631

Discussione1 Comment

  1. Jana Haasová ha detto:

    Illustrazioni stilizzate molto interessanti (forse incisioni?). Sono stato incuriosito dai turisti, salendo quattro su un pendio ripido.
    Grazie e saluti
    Jana

Aggiungi un commento