Rǝqwarǝsjéllǝ

Inserito da: · dicembre 13, 2019

Rǝqwarǝsjéllǝ

Di

Silvio Falato

Essendo il nostro “qwarǝsjéllǝ” tutto di un pezzo, senza porticine né aperture, quando si era completamente riempito o quando, per un fatto straordinario, si aveva impellente bisogno di denaro, per impossessarsi del prezioso contenuto, era necessario spaccarlo. Era un momento magico e lo si viveva con tanta partecipazione anche delle persone più care. Si assestava sulla parte superiore del “caroamico” un sonoro colpo di martello e, come d’incanto, si sprigionavano, rotolando fuori, monete di tutte le grandezze e le tante agognate banconote. Poi con calma e con l’aiuto del nonno o di altro familiare si provvedeva alla conta. Dal punto di vista linguistico, il nome italiano dell’oggetto è abbastanza chiaro: “salvadanaio” vale “che conserva il denaro”, salvandolo dal minaccioso
consumismo.

 

Silvio Falato – Rǝqwarǝsjéllǝ – vesuvioweb 2019

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione3 Comments

  1. María ha detto:

    Bravo!!!! bellissima lettura….salvadenaio…. ricordo di un tempo che fu…… grazie mille per la disponibilità di una splendida semplice,ma accorata lettura

  2. mari ha detto:

    …….ricordo papa ;oh chiammave O’carusielle..(dialetto sorrentino).

    cordialmente
    maria

  3. Angelo Siciliano ha detto:

    Bravo, Silvio, hai trattato esaurientemente questo argomento, con dovizia di particolari e collegamenti linguistici.
    Al mio paese, Montecalvo Irpino, era “lu carusiéddru” e ci insegnava anche il valore del risparmio. Con la moneta elettronica il mondo sta cambiando ulteriormente.

Aggiungi un commento