‘U PUPITULO ‘I SCIUSCELLA

Inserito da: · dicembre 15, 2019

‘U PUPITULO  ‘I  SCIUSCELLA

Di

Michele Langella

La nostra palazzina, un semplice parallelepipedo di 3 piani color crema costruito dal Comune su uno sperone di lava, era l’unica stabile in tutta la strada. Dai balconi delle camere da letto, pieni di sole, di piante e fiori – nostra madre aveva il pollice verde – oltre le grigie basse tettoie dei capannoni della falegnameria dei fratelli Palomba, si poteva vedere il mare e lo sguardo spaziava da Punta Campanella a Capo Miseno con Ischia, Capri e Procida all’orizzonte. Il mare era quasi sempre di un ovvio blu cobalto ma col cattivo tempo, assumeva quel minaccioso color lavagna che mi affascinava e allo stesso tempo mi angosciava ed io lo stavo a guardare per ore quasi ipnotizzato dal rincorrersi tumultuoso dei cavalloni dal colore plumbeo schizzato dal bianco della spuma. In confronto alla nostra strada, ancora grezza e approssimativa, Via Cesare Battisti, la potevi definire una bella via, con le sue leziose villette basse. Scendendo dal favoloso Miglio d’Oro sul quale si affacciavano ville sontuose – la Favorita, villa Olivo, villa Carmela ecc. –  con le spalle al vanvitelliano  palazzo Vallelonga, nella grande curva prima della Cassa Marittima, passavi accanto ad una robusta, monumentale cancellata verde che recintava un bellissimo parco dove pini maestosi, magnolie e palme secolari celavano quasi completamente alla vista villa Breglia, una delle antiche, nobili residenze, degne eredi di quelle che un paio di migliaia di anni fa ospitarono i più illustri esponenti della Roma imperiale.

 

Michele Langella – ‘U PUPITULO ‘I SCIUSCELLA – vesuvioweb 2019.pub

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Michele Langella, Storia e cultura

Discussione7 Comments

  1. Falato Silvio ha detto:

    Bel pezzo! Scritto con il cuore. Complimenti.

  2. María ha detto:

    Cordiali saluti

  3. mari ha detto:

    Da questo mio sproloquio emerge che la mia generazione – altre tre
    o quattro sia prima che dopo – hanno avuto la grandissima fortuna di vivere a cavallo di due ere (come il Neolitico e il Bronzo, il Bronzo e il
    Ferro): io ho iniziato che in prima elementare col calamaio de il pennino
    a cavallotto, ho scritto questo pezzo – dedicato specialmente a mio fratello Nello – utilizzando la videoscrittura sul mio computer. E’ quasi una
    magia che un neandertaliano sopravviva in un’epoca in cui impera l’homo sapiens.
    ……………….Que maravilloso recconto ….che belle frasi scritte col cuore in mano…complementi miei cari ..Buona vita e buona fortuna fratelli Langella….

  4. Jana Haasová ha detto:

    Grazie per i ricordi belli e scritti nel cuore – sono come immagini viventi. Sento l’atmosfera di quel tempo in città e la vista sul bellissimo Golfo di Napoli con il Vesuvio – Mi sono innamorato di questo paesaggio da quando ero bambino, quando l’ho visto per la prima volta su una vecchia cartolina. Mi piace la fotografia e l’acquerello.

    Grazie per un’esperienza meravigliosa e salute

    Jana

  5. Giovanni D'Amiano ha detto:

    Bello il quadro descritto, e l’acquerello che lo rappresenta. Ma mi sfugge il significato del titolo: ‘U PUPITULU ‘I SCIUSCELLA (Venditore di carrube?).

  6. Ho letto con piacere il racconto che descrive con vivacità e toni poetici un’umanità ed una società scomparse.Mi ci ha spinto la curiosità de:”U Pupitulu ‘I Sciuscella”.Senza la lettura del testo per chi non conosce il dialetto torrese-napoletano sarebbe impossibile decifrarne il vero significato.La spiegazione è chiara,realistica,pur nella sua valenza metaforica:il durissimo seme (pupitulu) di carruba può germogliare all’interno del muro e rovinarlo…La descrizione del mare con i suoi colori cangianti e del Golfo di Napoli con le sue isole,ricche di storia e di fascino naturale irripetibile,è seduttiva,filtrata,com’è,dalla particolare sensibilità del “narratore-poeta”Non meno apprezzabile la bravura dell’autore dell’acquerello,attento a far parlare il mondo di ieri….Il racconto e l’acquerello si integrano per tema,soggetti,paesaggio,forme espressive.

Aggiungi un commento