Gioacchino Murat poco prima e dopo la sua fucilazione

Inserito da: · febbraio 7, 2020

Gioacchino Murat
poco prima e dopo la sua fucilazione

di

Umberto Vitiello “Vadìm”

Non potendo far più ritorno a Napoli, dove aveva lasciato sua moglie Carolina come reggente, Murat si rifugia in Corsica. E in quest’isola viene informato che il 9 giugno il Congresso di Vienna si è concluso sancendo l’egemonia austriaca sull’Italia e la nuova divisione politica dell’intera penisola. Apprende poi della sconfitta del 18 giugno di Napoleone a Waterloo e poco dopo cominciano ad arrivargli notizie del crescente malcontento della popolazione del suo ex regno. Per cui nel mese di settembre di quello stesso infausto 1815 parte dalla Corsica alla volta della Campania con sei barche a vela e 250 uomini. Una tempesta purtroppo disperde la piccola flotta e la sua e un’altra barca l’8 ottobre approdano a Pizzo Calabro. In questo paese, dove entra con una trentina dei suoi uomini, Murat nota subito l’indifferenza e poi l’ostilità da parte della popolazione e decide di trasferirsi coi suoi uomini in un paese vicino, dove spera di ricevere un’accoglienza migliore. Ma sopraggiungono le truppe borboniche, che lo catturano, lo processano e lo condannano a morte. E il 13 ottobre, dopo aver ottenuto di scrivere alla moglie e ai propri figli, viene fucilato nel cortile
del Castello di Pizzo. Le sue ultime parole sono: – “Risparmiate il mio volto, mirate al cuore, fuoco!”. Aveva soltanto 48 anni.

 

Umberto Vitiello – Gioacchino Murat poco prima e dopo la sua fucilazione – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Personaggi a Napoli, Storia, Storia e cultura

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Anni densi di eventi di portata mondiale!

  2. Il coraggio e l’intelligenza militare,la politica riformatrice,il sincero e forte sentimento di italianità,la morte eroica di Gioacchino Murat sono poco conosciuti ed apprezzati in Italia e nel Sud.Lodevole aver riportato le parole prima e dopo la fucilazione. Anacronistici movimenti neoborbonici tentano di offuscarne la memoria,lo considerano un usurpatore.Egli è un grande personaggio della storia meridionale.Ha commesso errori,ha potuto mancare di realismo politico,ma come tanti altri personaggi del nostro Sud,è caduto generosamente per l’ideale…Va ascritto alla lunga schiera degli eroi del nostro Risorgimento.Chi continua ad ignorarlo o a leggerlo come un nemico non rende un buon servizio alla verità storica.

  3. maria ha detto:

    …………. Dieci e lode¡¡¡¡¡
    Da farne una Collana per gli studenti di oggi giorno che non;sanno nulla ..ma nulla di codesto pezzo di Storia nostra ……..

Rispondi a maria

Cancella risposta