L’associazionismo di mutuo soccorso a Torre del Greco tra Ottocento e Novecento

Inserito da: · febbraio 29, 2020

L’associazionismo di mutuo soccorso a
Torre del Greco tra Ottocento e Novecento

Di

Lina De Luca

Quando si parla di istituzione di mutuo soccorso a Torre del Greco, il pensiero corre subito, e quasi esclusivamente, al noto Pio Monte dei Marinai di Santa Maria di Costantinopoli, la confraternita laicale con scopi devozionali e assistenziali fondata nel lontano 1615 da un ceto cittadino che aveva forza e spessore sociale. Raccolta intorno al culto della Madonna bizantina, la cui effige arrivò in Occidente via mare e perciò era considerata da molte popolazioni rivierasche la protettrice di marinai e pescatori, l’istituzione associativa torrese con la formula della “mutualità” offriva aiuto e assistenza agli aderenti in cambio di una quota contributiva. I sussidi venivano elargiti ai soci o ai loro familiari in caso di malattia, di inabilità al lavoro, di decesso e di matrimonio e alcune elargizioni si configuravano de facto come vere e proprie prestazioni assistenziali e previdenziali ante litteram.

Lina De Luca – Associazionismo di Mutuo Soccorso a Torre del Greco a fine Ottocento – vesuvioweb 2020

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    , cit.).
    L’Associazione di mutuo soccorso dei lavoranti in corallo fu fondata molto
    prima di quella degli incisori, nel 1878, anche se solo nel 1895 richiese il
    riconoscimento giuridico. I dati ministeriali per il 1897 indicano l’iscrizione di 199
    soci, sottolineando un calo di 47 membri rispetto all’anno precedente. Una attenta
    osservazione del documento statistico evidenzia il contemporaneo aumento quasi
    nella stessa misura degli iscritti all’altra mutua torrese legalmente riconosciuta, la
    Società operaia di mutuo soccorso di arti e mestieri, che passa dai 235 iscritti del
    1896 ai 289 del 1897. Nonostante la suggestione dei numeri, non vi sono però
    informazioni che attestino l’incremento dei soci di “arti e mestieri” per una uscita di
    iscritti dalla società dei “lavoranti in corallo”. La categoria aveva attraversato un
    periodo di crisi sul finire degli anni Ottanta dell’Ottocento, quando il “miracolo del
    corallo di Sciacca” si era trasformato per loro nel “problema del corallo di Sciacca”.
    …………….molto interessante
    graziemilla

Aggiungi un commento