Il Vesuvio nel 1738

Inserito da: · febbraio 29, 2020

Il Vesuvio nel 1738

http://bdh.bne.es/bnesearch/detalle/bdh0000070731

 

Vesuvio 1738 – Da BNE – 2020

Le interessanti immagini che ritraggono il Vesuvio da prospettive ed angolazioni diverse, sono datate al 1738, esattamente un anno dopo l’eruzione che era iniziata il 19 maggio ed ufficialmente conclusa il 6 giugno. Sappiamo che quella fu un’eruzione a carattere misto, come del resto un po’ tutte le eruzioni vesuviane del secolo XVIII. Corsi lavici a partenza dal Gran Cono si diressero verso Torre del Greco e Boscotrecase. A questi fenomeni che durarono circa 40 giorni consecutivi, si associarono la pioggia di prodotti piroclastici su Somma Vesuviana, Ottaviano e Nola. Ma si verificarono intorno alla fine di maggio eventi esplosivi con produzione di esplosioni e prodotti piroclastici che raggiunsero anche Napoli. I flussi lavici ad ovest ammontavano a circa 10.4 milioni di metri cubi. A Torre del Greco distrutte parzialmente le chiese del Purgatorio e del Carmine. Crollo dei tetti a Ottaviano e rottura dei vetri delle finestre a Nola. Crolli di edifici a Napoli a causa delle continue scosse di terremoto. Terminata l’eruzione il Vesuvio si presentò sensibilmente abbassato di quota, e caratterizzato da un ampio cratere. Per Antonio Nazzaro l’eruzione “segna come un confine tra un comportamento eruttivo caratterizzato da attività di un cono che si andava sviluppando nell’ampia voragine del 1631 e un’attività con il cono ormai sviluppato”.

L’immagine che abbiamo pubblicato ci mostra un vulcano tranquillo, sulle cui pendici si svolge quasi una vita bucolica. Nulla, se n on le fumarole in quota, fa supporre che appena un anno prima il Vesuvio avesse prodotto un’eruzione di grande energia e con caratteristiche distruttive elevate.

Un anno dopo e M. Walter Ingenis si porta in cima al vulcano assieme ad accompagnatori e guide a visitare il luogo della catastrofe. Il suo è quasi un viaggio iconografico, dove con semplicità, quasi scolare, descrive il luogo ed i propri abitanti.

Un testo fondamentale per lo studio del fenomeno eruttivo, in un lavoro coevo: Istoria dell’incendio del Vesuvio, accaduto nel mese di Maggio del’ anno MDCCXXXVII. Scritta per l’Accademia delle scienze, di Francesco Serao. 1738.

https://archive.org/details/b30505823/page/125/mode/2up

A cura di Aniello Langella

 

 

La primera descripción es una vista de perfil del Vesubio por cuya falda ascienden varios militares en dirección al cráterDescripción y notasInserta: 1. “Vüe de l’ouverture de la Montagne en dedans, comme elle se présente du coté de l’Orient”. – 12,2 x 21,3 cm. 2. “Vue de la meme ouverture en dedans du coté du Septentrion”. – 12,5 x 21 cm. – 3. “Plan de l’ouverture de la Montagne aiant 4120 Palmes Napolitains de Peripherie”. – Escala 2.000 Palmes de Naples [= 14,5 cm]. – Orientado. – Clave alfabética. – 20,5 x 21,5 cm. 4. “Profil de la Montagne et de son ouverture de A jusqu’a B veritable pié de la Montagne”. -Escala 3.000 Palmes de Naples. [= 14,5 cm]. – 20,8 x 21 cm. Inserta: 1. “Vüe de l’ouverture de la Montagne en dedans, comme elle se présente du coté de l’Orient”. – 12,2 x 21,3 cm. 2. “Vue de la meme ouverture en dedans du coté du Septentrion”. – 12,5 x 21 cm. – 3. “Plan de l’ouverture de la Montagne aiant 4120 Palmes Napolitains de Peripherie”. – Escala 2.000 Palmes de Naples [= 14,5 cm]. – Orientado. – Clave alfabética. – 20,5 x 21,5 cm. 4. “Profil de la Montagne et de son ouverture de A jusqu’a B veritable pié de la Montagne”. -Escala 3.000 Palmes de Naples. [= 14,5 cm]. – 20,8 x 21 cm. La Historia en los Mapas Manuscritos de la Biblioteca Nacional, 1984, p. 253, nº 313. “Idomeneo : la proyección de un mito, de Homero a Mozart”, Madrid, Museo BNE. 15 enero 2019 -17 marzo 2019. Manuscrito sobre papel a la acuarela en sepia y gris.

Da BNE

 

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Articolo di grande interesse. Grazie.

  2. Jana Haasová ha detto:

    Immagini dettagliate molto interessanti della vista nel cratere del Vesuvio e descrizioni dell’eruzione nel 1738. Grazie.

    Salute Jana

Aggiungi un commento