Il Vesuvio nella prima metà del secolo XVIII

Inserito da: · febbraio 7, 2020

Il Vesuvio nella prima metà del secolo XVIII

Di

Aniello Langella

Introduzione

La vera guida de’ forestieri : curiosi di vedere, e d’intendere le cose più notabili della regal città di Napoli, e del suo amenissimo distretto. Questo il titolo dell’opera di Sarnelli, Pompeo, (1649-1724), nella quale il Forestiero si incammina per le strade di questa terra che l’autore definisce spesso maravigliosa.  Il viaggio turistico tra la gente, i monumenti e la storia di questa terra, viene considerato una descrizione ed a tratti un racconto. Non manca tuttavia di veri riferimenti storici coerenti nella maggior parte dei casi con le idee, gli studi e le deduzioni del vate storico dell’epoca e che risponde al nome di Pietro Summonte.
Mi piace rivisitare opere come questa, dove il Forestiero sono io; quasi ignorante, mi stupisco dei fatti raccontati e mi emoziono nel descriverli di nuovo, in un contesto moderno. In fondo ed è questa la mia opinione, che la rilettura storica, alla luce delle recenti acquisizioni, sia la vera chiave di cultura e di arricchimento, nell’ambito della ricerca storica. Documentare l’odierno sulla base di una esegesi storica del testo antico, è come voler sottolineare l’importanza di documentare il divenire e quindi di ridisegnare la storia stessa. Dal testo del Sarnelli ho voluto trarre il capitolo dedicato al Vesuvio. Un quadro illuministico e quasi scenografico nelle descrizioni dell’autore.

Aniello Langella – Il Vesuvio nella prima metà del secolo XVIII – vesuvioweb 2019.pub

 

Discussione1 Comment

  1. maria ha detto:

    …………..Grazie NELLooo

    ————–Come sempre parla i Vesuvio che per le tue viscere abbita¡¡¡¡¡
    Grazie e lode ¡¡¡¡
    ,,,,,,,,,,,,coerdialmente saluto.
    Maria

Rispondi a maria

Cancella risposta