Cumme se pazziava ‘na vota

Inserito da: · marzo 16, 2020

Cumme de pazziava ‘na vota

Di

Alberto Mirabella

 

Oggi si evocano con un App o playstation anche in 3D; sino a pochi anni fa erano semplicemente “giochi”. Ma in quella parola si racchiudeva un mondo, una storia di civiltà, un viaggio di  iniziazione e sviluppo emotivo e psicologico. Ben ce lo spiega Kant: “Gioco: attività che genera piacere”; gli antichi ben lo sapevano. Nel ‘900 l’olandese Huizinga con Homo ludens, tracciava le coordinate di questo mondo apparentemente fanciullesco e da favola come un “sistema” culturale. L’accademico di Francia Caillois divideva i giochi in competizioni (agon); azzardo (alea); simulacro (mimicry) e vertigine (ilinx). Da noi uno studioso e storico dei giochi è stato Giampaolo Dossena. Alberto Mirabella con il suo “Comme se pazziava ’na vota. I giochi ed i giocattoli di un a volta nei loro aspetti socio-antropologici-iconici”, in 200 pagine con illustrazioni, non solo condensa questo viaggio nella storia dell’uomo, ma sintetizza con documentata bibliografia come il gioco sia piacere, “pazzia”, strumento di crescita e di socializzazione. Già nel puzzle della copertina entriamo in questo mondo destinato ad essere sempre più virtuale e solitario – con conseguenze già sotto gli occhi di tutti: la ludopatia.

Alberto Mirabella – Cumme se pazziava ‘na vota – vesuvioweb 2020

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Giochi e giochini del Vesuvio

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Lavoro molto interessante. Grazie.

  2. maria ha detto:

    …….Molto interessante ed nostalgico
    grazie cordialmente

  3. guido ha detto:

    ho letto solo un paio di articoli ed andrò avanti, mi piace

Aggiungi un commento