Domenico Gargiulo in arte Micco Spadaro

Inserito da: · marzo 16, 2020

Domenico Gargiulo in arte Micco Spadaro

Di

Aniello Langella

Bernardo De Dominici fu uno dei biografi più attenti alla ricerca artistica a Napoli e Domenico Gargiulo, certamente non poteva mancare tra i grandi della storia dell’arte del ‘600 napoletano. Ed è proprio il De Dominici a manifestare nel suo Vite de’ pittori, scultori ed architetti Napoletani non mai date alla luce, (Volume 3, pagina 190. Ed. Ricciardi, 1742) le tante perplessità che gravitano attorno alla corretta data di nascita, al suo percorso formativo ed anche al mistero che in certi anni della sua vita, circondò l’artista e soprattutto le sue opere. Incontrai Domenico Gargiulo più volte durante il mio lungo cercare tra le bellezze di Napoli, ma soprattutto mentre rileggevo le vicende drammatiche della peste del 1656, dell’eruzione del Vesuvio del 1631 e delle rivoluzioni politiche e sociali in città. Mi accorsi presto di trovarmi davanti ad un artista che esprimeva quasi sempre il desiderio di narrare la storia. Vedevo ed osservavo in lui la volontà di trasfondere nella tela e nell’opera d’arte il momento, ossia il tempo ed assieme il patos che si generava dall’evento storico stesso. Riuscivo a comprendere questo, ma non riuscivo a percepire nella sua interezza la vera anima dell’artista. Ma era questo in fondo, che cercavo? No. La risposta è certamente no. Io cercavo solo di leggere (con le mie ridotte capacità interpretative) lo sviluppo storico, la successione dell’evento che Domenico, tanto sapientemente sapeva rappresentare. In fondo a me, piccolo osservatore e cercatore, interessava conoscere la storia raccontata, quella dipinta, quella rappresentata. Sarà definito artista virtuoso dal De Dominici, che lo collocherà accanto a Salvator Rosa e Aniello Falcone suoi diretti maestri. Lo definirà molto più importante di quei fiamminghi che all’epoca tenevano il mercato dell’arte in pugno e che per certi versi non meritavano tanto plauso.

Aniello Langella – Micco Spadaro – vesuvioweb 2020.pub

 

Discussione3 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Molto interessante. Grazie.

  2. maria ha detto:

    Rivoluzione di Masaniello.
    Ma l’opera più importante di Micco Spadaro, in questa metà
    del secolo XVII, fu il Trionfo di Cesare Augusto, commissionato dal
    Reggente Corriglio. L’opera è sublime, la scena maestosa dell’imperatore celebrato da centinaia di figure acclamanti su uno sfondo di
    architetture classiche, mostra in tutta la sua preziosità, la grandiosa
    padronanza del colore, della costruzione prospettica e soprattutto
    della composizione equilibrata e aderente al fatto storico. Un vero
    capolavoro.
    L’opera che il De Dominici dice essere ammirata più volte da
    Luca Giordano, venne trasportata in Spagna e diede al Reggente
    onori e lodi, al punto tale che, ormai famoso, Micco

    …………Nello :bravo un regalo per tutti noi tuoi lettori.
    grazie melle

  3. Jana Haasová ha detto:

    Immagini belle e vivide. Mi interessavano anche gli schizzi: il disegno figurale. Grazie.

    Salute Jana

Rispondi a Silvio Falato

Cancella risposta