I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà

Inserito da: · marzo 16, 2020

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà

Di

Salvatore Argenziano

Iacuvèlla: s. f. Jacuvella. Ghiacuvelle. Intrigo, pettegolezzo, vezzi. I gghiacuvelle è la forma eufonica di: i jacuvelle, dovuta alla difficoltà di pronuncia della doppia /i/. La trasformazione da /i/ a /ghi/ è comune a molte parole inizianti per /i/ e deriva dalla etimologica semiconsonante /j/. I gghialline, i gghionte, i gghiastemme… Raddoppiamento consonantico dovuto all’articolo – i -, femminile plurale. etim. Dal nome di un personaggio dell’antica Commedia, Jacoviello, diminutivo di Giacomo, maestro di astuzie e di intrighi amorosi.

*Cortese. Aveva Renza n’anno e miezo mese / fatte le iacovelle a Menechiello.

*F. Russo. – Chillo sta accussi arraggiato! / N’ato ppoco me magnava!… / Si ll’avisseve sentuto / comme ddiece jastemmava! / – Lassa sta’! Mo nce vach’io… / E scennette. – San Crispi? / – Gnò! – Ched’è sta jacuvella? / Sti denare ’e vvuò accussì?… / – Accussì? Mannaggia ’a morte!

*GB. Valentino. Che le venga la rogna, e ssette zelle / Comm’a la ceca jevan’a mmorrare! / Erano leste a ffa le ghiacovelle / Co guitte, e portarrobba, e ppotecare,.

*G. Genoino. donca pe tte so’ bbernie e ghiacovelle?-.

*R. Bracale. Allora ca, ògne mese, / cagnavo piccerella, / trattanno core e ammore / cumme a ’na jacuvella, / facenno ’o lasse e ppiglia / cchiú ’nfamo e malamente, / allora, ’e chilli tiempe, / nun me credeva, ’a ggente!

I – Lessico e Letteratura del Dialetto Napoletano – Da iàccio a izà – Di Salvatore Argenziano – vesuvioweb 2020

 

Questo articolo si trova in: 00 In Rilievo, Lessico e Letteratura Napoletana

Discussione2 Comments

  1. Silvio Falato ha detto:

    Lavoro bellissimo! Complimenti.

  2. maria ha detto:

    iettatura: s. m. Jettatura. Influsso malefico che si getta addosso alle
    persone. Malócchio. etim. Chiara la etimologia dalla credenza che l’influsso
    malefico si “iètta” sulla vittima.
    *F. Russo. Vi’ c’anno fui, chillu Cinquantanove / cu chillu spusalizzio ’e
    Francischiello! / L’otto ’e jennaro, chiove, chiove e chiove! / C’aveva fa’?
    Partette, ’o puveriello! / Lampe e saette, mmiezo ’e strate nove, / e pigliaimo
    15
    -I- -J- Lessico e Letteratura
    nu bello purpetiello… / Già ’o Rre, ca nce credeva, ’a iettatura, / se ll’era
    ntruitata, sta sbbentura!
    *Scarpetta. Addò, pare na iettatura, io non l’aggio cchiù addò la portà a Napole, a
    la villa, a teatre, a societa, non la guardano manco, io l’aggio arrivato a portarla
    passianno la Domenica pe nnanze a lo cafè d’Italia, capisce? Llà nce stanno
    sempe giovinotte, addò, non aggio cacciato niente.
    *Eduardo. Partette pe’ surdate ca facèvam’ ’ammore e da nnammurate ce
    vedettemo l’ultima volta, ma, come marito e moglie, è stata una iettatura, non
    abbiamo potuto consumare… comme se dice? chella cosa llà… …………….
    ………….iettatura¡¡¡¡puverielle che guaio …..jajajaj

    ………….Grazie ca ro Tore ffaccimence na risatta ,eccellente come di solito ,

Rispondi a maria

Cancella risposta