LL’ODE DE Q. ARAZIO FRACCO

Inserito da: · marzo 16, 2020

GABRIELE QUATTROMANI
LL’ODE DE Q. ARAZIO FRACCO
Travestute da vasciajole de lo Mandracchio

Antologia curata da Vincenzo Pepe

Qui di seguito alcuni brani tratti dalla Prefazione al testo del professore Vincenzo Pepe. L’antologia che qui si propone ai lettori di Orazio e ai cultori di storia napoletana è tratta da un’opera ormai quasi dimenticata e pressoché introvabile, che Gabriele Quattromani pubblicò a Napoli nel 1870 col titolo lunghissimo Ll’Ode de Q. Arazio Fracco Travestute da vasciajole de lo Mandracchio co quacch’auta stroppolella fujeticcia pe fa venì lo suonno. Un volume composito, dunque, nel quale i “travestimenti” di Orazio, sono accompagnati da composizioni di vario genere e ispirazione.  anche se molte di queste ultime, apparse in precedenza su famose riviste letterarie napoletane del tempo quali l’Omnibus e l’Omnibus pittoresco, sono tutt’altro che “fujeticce” come vorrebbe far credere il suo autore, la gloria del volume è effettivamente rappresentata dalle versioni in napoletano delle odi del Venosino, e dal preziosissimo apparato lessicale che la correda….

 

Vincenzo Pepe – Gabriele Quattromani – Ll’ode de Q Arazio Flacco – vesuvioweb 2020

Discussione2 Comments

  1. maria ha detto:

    Non bide la Montagna? S’è bestuta
    De no cappotto janco fodarato
    De neve quatto parme e mmiezo futa;
    Vide ogne rramo d’àrvolo chiejiato,
    Comm’a lo cuollo de no malo mpiso,
    Pe lo pisemo, e tutto s’è ammascato.
    ……………………….Grazie una perla napoletana.anticha

  2. Domenico Mattia Testa ha detto:

    Gabriele Quattromani doveva possedere una cultura classica e una sensibilità moderna .A ragione denunciava nella seconda metà dell’Ottocento la difficoltà degli studenti di allora a comprendere le opere del grande Orazio per cui si è impegnato tra il serio e l’ironico a presentare il mondo del venosino nel dialetto napoletano per il pubblico più diretto ed in Italiano per un pubblico più vasto.I brani riportati nella prefazione dal prof Vincenzo Pepe sono illuminanti e ben chiariscono il proposito del Quattromani di far entrare i lettori contemporanei nel complesso,ricco e per tanti aspetti ancora attuale universo oraziano.Mentre infuria il coronavirus leggere Orazio almeno in dialetto napoletano-il latino è studiato da minoranze sempre più ristrette- è un formidabile modo di distrarsi,costretti,come siamo a rimanere a casa.In fondo l’invito-ordine,sacrosanto a non uscire,può essere rispettato anche leggendo i classici in napoletano…..

Rispondi a Domenico Mattia Testa

Cancella risposta